Colline MetallifereCultura & SpettacoliFollonica

“Amici della musica”: Jacopo D’Ambra ha inaugurato la stagione concertistica

La manifestazione, alla sua 48esima edizione, è ormai un'istituzione per la Maremma.

Un connubio nato dalla passione e dall’obiettivo comune di diffondere le sette note e valorizzare i giovanissimi talenti del territorio.

È quello fra l’associazione “Amici della musica” di Massa Marittima e la scuola comunale di musica “Bonello Bonarelli” di Follonica. In nome di questa unità di intenti è andata in scena l’esibizione del pianista Jacopo D’Ambra, promettente allievo quindicenne dell’istituto musicale follonichese. Il giovane musicista infatti si è distinto suonando le note dei grandi maestri della musica classica – da Rachmaninoff a Debussy, Liszt, Chopin e Mendelssohn – in un concerto nelle sale del Portale delle Arti a Massa Marittima, durante la presentazione della nuova stagione concertistica 2020 promossa e organizzata dall’associazione massetana “Amici della musica”.

«Quando ho chiesto la partecipazione di Jacopo D’Ambra – spiega il direttore della rassegna, Maurizio Morgantinialla presentazione della stagione concertistica, la direttrice della Bonarelli, Sabrina Gabellieri, ha subito accettato l’invito. È sempre emozionante ascoltare un giovanissimo pianista, così come è di grande stimolo collaborare con realtà del territorio simili alla nostra».

La manifestazione, alla sua 48esima edizione, è ormai un’istituzione per la Maremma. La stagione propone sette date da marzo a ottobre: il primo concerto è infatti in programma sabato 21 marzo alle 18, quando si esibiranno Corrado Stocchi e Elisa Viscarelli, al violino e al pianoforte.

L’ultimo appuntamento, in calendario il 31 ottobre, sarà affidato al maestro e direttore artistico dell’associazione “Amici della musica”, Maurizio Morgantini, e a Fabrizio Bono.

«Siamo stati felici di partecipare alla presentazione di questa importante rassegna musicale – spiega Sabrina Gabellieri: la nostra scuola da sempre stringe collaborazioni con altri istituti musicali perché il confronto rappresenta una crescita per gli allievi ma anche per noi docenti. Ringrazio il maestro Morgantini per l’invito: ci saranno sicuramente altre occasioni in cui le nostre realtà divideranno lo stesso palco».

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button