AmiataPolitica

Italia Viva: “Nuovo crollo delle mura. Distrutto patrimonio della frazione, Comune colpevole”

Giuseppe Conti commenta il crollo delle mura di Cana

Sette lunghi anni sono trascorsi da quando nel 2013 avvenne il primo crollo che interessò le mura medioevali della frazione di Cana. Già allora soltanto una fortuita casualità non provocò danni a persone“.

A dichiararlo è Giuseppe Conti, capogruppo di Italia Viva nel Consiglio comunale di Roccalbegna.

“La storia si ripete, e ancora una volta si è sfiorata quella che avrebbe potuto essere la cronaca di una tragedia annunciata – sottolinea Conti -. Intanto un’altra fetta di storia medioevale dello splendido borgo di Cana si sbriciola all’insegna della incapacità di programmare e finanziare, in tempi rapidi, gli adeguati interventi di consolidamento a protezione di un patrimonio architettonico di inestimabile valore. Sette lunghi anni per mettere in cantiere dei lavori di manutenzione e proprio durante questi lavori il tratto più antico delle mura di Cana crolla, cancellando di colpo secoli di storia“.

“Assenza di interventi manutentivi? Mancato monitoraggio delle strutture? Negligenza da parte di qualcuno? Fatto sta che, già a seguito del crollo del 2013, i periti del tribunale avevano riscontrato situazioni di precarietà statica, imponendo un costante monitoraggio delle stesse in grado di garantire la sicurezza di chi abita a ridosso proprio di quel tratto di mura, ritenendo necessarie e non più procrastinabili le opere di consolidamento e messa in sicurezza. Avevamo avuto rassicurazioni dal Sindaco stesso in tal senso, nonostante dopo il crollo del 2013 per cinque anni nessuno si fosse premurato di verificare lo stato conservativo delle mura e, all’interrogazione a cui sottoposi il primo cittadino, la risposta in sintesi era stata che al momento non c’erano risorse sufficienti per intervenire. Adesso si accertino in tempi rapidi le responsabilità di quanto avvenuto e di chi avrebbe dovuto fare cosa e con quali tempistiche, vista l’urgenza – termina Conti -. Al sollievo che non sono state coinvolte persone e alla solidarietà verso chi sarà interessato da eventuali ordinanze di evacuazione delle proprie abitazioni, resta l’amarezza nel vedere l’inadeguatezza da parte di chi dovrebbe svolgere il ruolo di primo garante dell’incolumità pubblica, oltre che strenuo difensore di quel patrimonio che, oltre a rappresentare una testimonianza storica di indubbio valore, connota, o sarebbe meglio dire connotava, anche l’identità di una intera comunità”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button