Cronaca

Insospettisce i poliziotti: scaraventa la bici sulla volante e sferra calci e pugni

L’attività di contrasto al crimine diffuso non conosce sosta e viene espletata quotidianamente con servizi di controllo del territorio come quello di ieri che ha visto impegnati gli operatori della Volante nel procedere all’arresto di un cittadino marocchino di 34 anni, sprovvisto di documenti, in Italia senza fissa dimora ed irregolare sul territorio nazionale, in quanto resosi responsabile dei reati di detenzione di sostanza stupefacente, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e danneggiamento.

Verso le 10.00, gli operatori a bordo della Volante, appena fuori dalle Mura medicee, hanno intercettato l’uomo in sella ad una bici da donna, insospettiti, hanno deciso di procedere al controllo e, mentre l’autista scendeva dall’auto, il marocchino ha scaraventato la bicicletta contro la portiera della volante danneggiandola e dandosi così alla fuga.

Inseguito dall’altro operatore, il giovane è stato raggiunto ed ha opposto resistenza all’arresto, sferrando violenti calci e pugni. Il marocchino è stato quindi arrestato ed i poliziotti hanno recuperato anche un involucro del quale aveva tentato di liberarsi durante il tentativo di fuga.

Successivamente è stato accertato che l’involucro contenesse dieci dosi di cocaina, pronti per essere spacciati, mentre nella tasca del giubbotto è stato trovato un bilancino digitale di precisione e una banconota da dieci euro.

Sul posto è giunto anche il personale del 118 per prestare le cure mediche all’arrestato che lamentava dolori alla gamba. Trasportato al pronto soccorso del nosocomio l’uomo è stato curato e dimesso con una prognosi di 7 giorni. Stessa prognosi anche ai due operatori che sono stati refertati per trauma contusivo ai polsi e alle ginocchia. L’arrestato è stato condotto nelle camere di sicurezza della Questura in attesa del giudizio per direttissima che si terrà domani.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button