AttualitàGrosseto

“Questo non è amore”: la Polizia nei centri commerciali per promuovere i diritti delle donne

Continua la campagna di sensibilizzazione “Questo non è amore”, promossa dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza.

Nella ricorrenza della Giornata internazionale della donna, in programma mercoledì 8 marzo, celebrazione che costituisce occasione per ricordare all’opinione pubblica la necessità di una difesa dei diritti delle donne, negli orari di maggiore affluenza, tra le 16.30 e le 19, presso i centri commerciali di Grosseto Maremà ed Aurelia Antica, sarà sistemata, su disposizione del Questore, una postazione con personale della Polizia di Stato in uniforme ed in abiti civili, sostenuta dalla partecipazione del personale sanitario del Codice Rosa e dei volontari dei centri antiviolenza “Olympia De Gouges” e “E’ Vita” che operano sul territorio.

“Tale iniziativa, che si giova del sostegno e contributo dei direttori della Conad e dell’Ipercoop e dei direttori delle gallerie commerciali grossetane, consentirà a tutti gli operatori che interverranno di promuovere e sensibilizzare le vittime di violenza che è possibile dire ‘Basta’ al proprio carnefice – si legge in un comunicato della Questura. A tal proposito, verrà proiettato il video ‘Dare voce al silenzio – Un soffio sulle ali della libertà’, realizzato con gli scatti fotografici di Luca Serafini, accompagnati dalla voce narrante della pedagogista clinica Manuela Bracciali, con la fattiva collaborazione di Marco Buzzetti e Chiara Brogi, protagonisti della storia nell’interpretare, rispettivamente, il carnefice e la vittima“.

“Il video in questione verrà trasmesso per l’intera giornata di mercoledì all’interno dei supermercati Ipercoop del centro commerciale Maremà, e Conad, nei tre punti vendita situati in via Senegal, via Clodia e presso l’Aurelia Antica – termina la nota, nella speranza di fornire alle vittime qualche momento di riflessione, affinchè trovino il coraggio di osare ed agire, confidando, nella quotidianità, nella vicinanza e nelle potenzialità del poliziotto nel fronteggiare le situazioni di pericolo“.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button