AttualitàFollonica

Giorno della Memoria: Follonica celebra la ricorrenza con una diretta Facebook

All'iniziativa parteciperanno Comune, Anpi e Isgrec

Il 27 gennaio 1945 le truppe sovietiche dell’Armata Rossa abbattevano i cancelli di Auschwitz e rivelavano al mondo la realtà del genocidio in tutto il suo orrore. Proprio il 27 gennaio è stata la data scelta dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite per celebrare la “Giornata internazionale di commemorazione in memoria delle vittime della Shoah“.

Il 2021, in piena pandemia, il Giorno della Memoria per Follonica trascorrerà in un modo diverso per le limitazioni alle quali è necessario adeguarsi.

“Insieme ad Anpi abbiamo strutturato un momento di approfondimento – dichiara il sindaco Beniniche vogliamo condividere con la città e lo faremo attraverso una diretta Facebook sul profilo del Comune di Follonica. Perché è importante non dimenticare quello che ha rappresentato uno dei tratti più dolorosi della nostra storia, che ha segnato la nostra crescita come individui e come collettività, che ci ha toccato talvolta anche molto da vicino. E proprio per fermare l’attenzione anche sulla nostra realtà locale legata alla memoria, arricchirà l’incontro di domani l’intervento della storica Ilaria Cansella, ricercatrice dell’Istituto storico grossetano della Resistenza e dell’età contemporanea (Isgrec), che offrirà un importante contributo storico approfondendo alcuni momenti della deportazione in provincia di Grosseto”.

“Il 27 gennaio 1945 si ricorda la Shoah – aggiunge il presidente dell’Anpi Follonica, Claudio Bellucci, lo sterminio del popolo ebraico, le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte e insieme a loro si ricorda lo sterminio di altri popoli, come i Sinti e i Rom, nonché persone ritenute deboli, omosessuali, sofferenti psichici, tutti gli oppositori politici, religiosi, culturali, non escludendo prigionieri militari che, in dispregio ad ogni trattato internazionale, furono anch’essi deportati ed internati e spesso assassinati. Domani l’Anpi sarà all’incontro con il sindaco di Follonica perchè il nostro obiettivo è quello di promuovere e sostenere tutte le iniziative che possono conservare nel futuro dell’Italia la memoria di quel tragico ed oscuro periodo della storia del nostro Paese e in Europa, affinché simili eventi non possano mai più accadere. Il 27 gennaio si ricorda l’orrore assoluto, frutto di abuso di potere, odio del diverso e disprezzo per tutta quell’umanità che viene considerata ‘razza inferiore’. L’Anpi rifiuta l’indifferenza e richiama alla vigilanza verso segni di quel passato, poichè sono purtroppo aumentati gesti di antisemitismo e razzismo, si ripropongono simboli, linguaggi che inneggiano e richiamano fascismo e nazifascismo. La memoria deve essere per tutti i cittadini, in particolare per le nuove generazioni, ‘memoria attiva’ che rinnovi ogni giorno la Liberazione dal nazifascismo, ripudiandone ogni possibile rigurgito, riponendo nella nostra Repubblica democratica e nella sua Costituzione democratica e antifascista il futuro della nostra civiltà”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button