Colline MetalliferePolitica

Primarie Pd: il viceministro Teresa Bellanova in Maremma per sostenere Renzi

Ieri sera a Bagno di Gavorrano si è tenuta un’iniziativa a sostegno della mozione Renzi in vista delle Primarie del Pd, che ha visto la presenza del viceministro Teresa Bellanova.

“E’ stato un momento importante di bella politica e partecipazione, in cui l’onorevole Bellanova ha parlato dell’esperienza ai tavoli di crisi nella ricerca di soluzioni concrete per far fronte ai problemi economici ed occupazionali, della necessità di essere dalla parte del cambiamento, avendo il coraggio di mettere in discussione lo status quo con gli strumenti di un riformismo condiviso che restituisca ai cittadini opportunità e sicurezza, dell’importanza di una politica e di un partito forte ed unito che si assuma la responsabilità di governare e di gestire un costante e veloce cambiamento della società, affrontare i problemi e trovare soluzioni innovative – si legge in un comunicato del comitato Gavorrano per Renzi. Tanti sono i tavoli di crisi aziendali di cui il viceministro ci ha parlato, tra cui Piombino, dell’impegno del Governo perché si arrivi a soluzioni a favore della tutela e della creazione dei posti di lavoro. Ha parlato dettagliatamente del reddito di inclusione, della lotta all’utilizzo delle dimissioni in bianco, della riforma del lavoro autonomo e delle partite Iva, della proposta relativa alla riforma fiscale, con l’attenzione volta in particolare verso i giovani e le donne. Importante, poi, il passaggio sulla politica del lavoro che deve costruire nuove opportunità, con la necessità di inversione delle politiche di assistenzialismo con ricollocazione – e non, come invece propongono i 5 Stelle, con un reddito di cittadinanza (peraltro senza possibilità di copertura). Il lavoro è, oltre che opportunità, anche identità“.

“Ha sottolineato gli interventi del Governo in campo pensionistico, ricordando l’introduzione del diritto alla quattordicesima, erogata anche ai pensionati con un reddito compreso tra 9.786,86 euro e 13.049,15 euro annui, con l’ulteriore previsione di un importo aggiuntivo parziale per coloro che superano la soglia di 13.049,15 euro – continua la nota.  La serata è stata interamente incentrata sull’illustrazione delle cose fatte e le cose da fare, sulla necessità di riformare il sistema politico, costruire una forte democrazia dell’alternanza e rafforzare un Pd a vocazione maggioritaria, a fronte del rischio di riproposizione di una compagine politica frammentata, sulla scia acuita del proporzionalismo“.

“Nessuna polemica nei confronti degli altri candidati, che sono nostri compagni di partito e non nemici politici, sottolineando l’importanza di rilanciare la forza di un partito grande, plurale ed inclusivo come il Pd. Gli avversari politici stanno fuori dal Pd e per batterli occorre una leadership forte, ma soprattutto coraggiosa e con visione lunga sul futuro – termina il comunicato. Sulla base di tutte queste ragionim è stato chiesto un mandato forte per portare avanti la piattaforma programmatica di Matteo Renzi e Maurizio Martina, per garantire al Pd una leadership forte, che sappia creare un argine solido e compatto per contrastare l’onda del populismo che ha preso campo in Italia ed in Europa“.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button