GrossetoScuola

“Stop al Decreto scuola”: i sindacati incontrano i parlamentari del territorio

Rinnovo del contratto, con il debito confronto con le organizzazioni sindacali, riconoscimento dell’esperienza di lavoro dei docenti precari nelle nuove forme di reclutamento di personale, maggiori investimenti sulla scuola.

Sono queste, in sintesi, le richieste che la Cisl Scuola ha presentato ieri agli onorevoli Luca Sani e Roberto Berardi nel corso dell’evento, promosso da Flc Cgil, al quale hanno partecipato anche la Cisl Scuola e la Uil Scuola Rua, dal titolo “Decreto legge 36/2022 Riforma della scuola. Incontro con i parlamentari del territorio“. Presenti all’incontro anche alcuni consiglieri comunali di Grosseto; tra questi Stefano Rosini, Giacomo Gori e Amedeo Gabbrielli, che si so sono impegnati per portare questi temi all’interno dell’assise del Comune di Grosseto con una mozione.

Obiettivo dell’iniziativa, che si è svolta a Grosseto, nel Giardino dell’archeologia, è stato quello di illustrare agli intervenuti i motivi per cui le organizzazioni sindacali, come hanno dimostrato già con lo sciopero del 30 maggio scorso, chiedono di fermare il decreto sulla scuola che necessita, secondo i rappresentanti dei lavoratori, di alcuni correttivi.

La scuola – spiega Alfonso Nocchi, segretario generale della Cisl Scuola di Grosseto – ha dato prova, negli ultimi due anni scolastici segnati dalla pandemia, di grande professionalità, responsabilità e dedizione al lavoro. Abbiamo fatto tutto il possibile perché non venisse meno l’esercizio del diritto allo studio, nonostante i ricorrenti divieti di svolgere attività in presenza. Per questo meritiamo una diversa attenzione, rispetto a quanto dimostrato in questi giorni dal Governo”.

Altro tema di forte preoccupazione è quello dei tagli all’organico: “Per sostenere i costi di formazione – aggiunge Nocchisono previste imponenti riduzioni di organico che porteranno, in cinque anni, a perdere 9mila 600 posti di lavoro, a partire dall’anno scolastico 2026/2027, per completare questa riduzione in crescendo, che prevede il primo anno la perdita di 1600 posti e nei successivi di duemila, nell’anno scolastico 2030/2031″.

Secondo la Cisl, quindi, il Governo sta disattendendo quanto sottoscritto nel Patto per la scuola, ovvero “… la necessità di utilizzare il confronto con le parti sociale come metodo per il cambiamento. Ed è proprio questo che abbiamo chiesto ai parlamentari di riferimento: di farsi portavoce delle nostre istanze, affinché le scelte di modifica che interessano il settore della scuola siano prese in maniera congiunta e non imposte dall’alto, perché in caso contrario ne va del lavoro degli insegnati, del personale scolastico, ma soprattutto della qualità della scuola che offriamo ai nostri ragazzi“.

“Le dichiarazioni del ministro Bianchi si basano sulle proiezioni del decremento demografico – spiega Cristoforo Russo, segretario provinciale della Flc-Cgil -, ma non tengono conto delle caratteristiche di ogni territorio. Invece, questa è una discriminante fondamentale poiché, in provincia di Grosseto, la popolazione diminuisce soprattutto nell’interno, dove si rischia la perdita di classi e la chiusura dei plessi. In città, per contro, non avremo nessun sollievo sul problema delle classi pollaio, se non si investe in organico. Questa protesta non riguarda solo i lavoratori della scuola, ma tutti coloro che credono in una scuola pubblica di qualità, che ha bisogno di risorse, di personale, di un sistema di reclutamento che stabilizzi i precari. Se non sarà così, la scuola pubblica verrà definitivamente affossata”.

E invece i provvedimenti inseriti nel Decreto 36 sembrano andare in tutt’altra direzione, a partire dal reclutamento: “Si sono inventati un percorso a ostacoli – aggiunge Russo che non produrrà nulla se non quello di alimentare l’esercito del precariato. Lo dimostra l’ultimo concorso, in cui sono stati ammessi all’orale circa il 10% dei candidati. Inoltre, per accedere ai concorsi e alle graduatorie è prevista l’acquisizione di 60 crediti formativi contro i 24 degli anni precedenti, con tutte le difficoltà e le spese che chi vuole fare l’insegnante dovrà sostenere per ottenerli, alimentando il sistema delle agenzie formative e università provate“.

Durante l’incontro di ieri, i parlamentari Luca Sani e Roberto Berardi hanno dimostrato un’apertura verso le richieste dei sindacati; le prossime saranno settimane importanti, quindi, in cui il decreto sarà discusso per essere convertito in legge e sarà possibile inserire emendamenti che cambino la direzione di alcune scelte.

E’ stato un incontro proficuo per tutte le parti – aggiunge il segretario provinciale della Uil scuola, Fabio Severi -, c’è stata un’ampia convergenza dei politici presenti all’incontro che si sono impegnati a fare pressione sul Governo affinché i problemi della scuola siano oggetto di emendamenti ad hoc. Ora occorre passare dalle parole ai fatti, individuando le risorse necessarie al rinnovo del contratto”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button