Pubblicato il: 19 Febbraio 2019 alle 14:49

Economia

Sviluppo della pesca: primo incontro tra i partner del progetto europeo “Ensamble”

Il Flag Costa degli Etruschi è capofila del nuovo progetto europeo “Ensamble” per lo scambio di buone pratiche sullo sviluppo sostenibile della pesca tra le comunità costiere del Mediterraneo. Il progetto si svolgerà in Italia, nella provincia di Grosseto, in Francia, nella regione della Corsica, e in Tunisia, nelle località di Tabarka ed El-Haouria.

Oggi e domani, si riuniscono a Grosseto, in via Giordania, tutti i partner del progetto per il primo incontro ufficiale, a cui tra gli altri hanno partecipato: Fabrizio Pasquini, presidente del Flag Costa degli Etruschi; Rémi Bellia e Tommaso Scavone per il partner Petra Patrimonia Corsica (Francia); Mouna Abaab e Faouzi Maamouri, rispettivamente Project officer e direttore del Wwf Nord Africa (Tunisia); Maria Rita Cecchini, che seguirà il progetto per il partner Legambiente Toscana onlus (Italia). Al progetto partecipano anche la cooperativa San Leopoldo e Farm Maremma come soggetti affiliati al Flag.

La due giorni di incontro servirà per decidere gli step del progetto e condividere con i partner la metodologia di realizzazione delle attività, ma sarà anche l’occasione per far conoscere agli ‘ospiti’ stranieri il territorio e l’organizzazione del Flag.

L’obiettivo generale del progetto “Ensamble” è quello di promuovere lo sviluppo dell’economia blu nel Mediterraneo attraverso una più stretta collaborazione tra attori marittimi pubblici e privati coordinati dal Flag “Costa degli Etruschi” per la Regione Toscana (IT). Il Flag include nella sua partnership associazioni professionali di pesca e acquacoltura piccole e medie imprese, Comuni e sindacati della pesca.

Il partenariato contempla la partecipazione della cooperativa innovativa con sede nel Mediterraneo (Petra Patrimonia Corsica), dell’associazione ambientalista italiana (Legambiente Toscana), dell’Associazione tunisina (Wwf Nord Africa) e il sostegno del Ministero tunisino dell’agricoltura, delle risorse idriche e della pesca.

Il budget del progetto, che avrà una durata di 24 mesi, è di 390.154 euro, di cui 312.123 euro coperti da contributo europeo.

“Uno dei punti cardine di ‘Ensamble’ – spiega Fabrizio Pasquini, presidente del Flag Costa degli Etruschi – è quello di ‘replicare’ in Tunisia l’esperienza positiva del Flag, basata su una partnership pubblico-privata, come strumento Clld (Community-led local development), che contribuisce allo sviluppo locale. Il progetto prevede lo scambio di buone pratiche e l’attuazione di azioni pilota per accrescere le capacità professionali degli operatori della pesca nel Mediterraneo. Consentirà inoltre di migliorare le capacità imprenditoriali, sviluppando nuove opportunità di lavoro (turismo, trasformazione, ristorazione, ecc.) e coinvolgendo attivamente nell’intera filiera donne e giovani. I risultati attesi sono: la standardizzazione degli indicatori di qualità dell’offerta per la pesca-turismo e l’itti-turismo; la definizione di un regolamento condiviso per le attività di diversificazione della pesca; la creazione di una rete di organizzazioni della pesca che operano nell’area del Mediterraneo“.

IL Flag “Costa degli Etruschi” è il gruppo di azione costiera che opera nel settore della pesca e dell’acquacoltura per il finanziamento di strategie di sviluppo della costa attraverso i fondi Feamp sulla programmazione 2014-2010. Il Flag Costa degli Etruschi interviene sui Comuni di Grosseto, Castiglione della Pescaia, Magliano in Toscana, per la provincia di Grosseto, e sul territorio di Livorno, Cecina, Rosignano, San Vincenzo e Isola d’Elba, per la provincia di Livorno.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su