AttualitàFollonica

Politiche di genere: primo incontro online con Eleonora Pinzuti

Il Comune di Follonica, grazie ai fondi destinati dalla Regione Toscana alla rete Ready, organizza quattro lezioni online con la docente

Venerdì 22 ottobre si terrà online il primo incontro con Eleonora Pinzuti, formatrice, scrittrice e docente, che affronterà le tematiche dell’inclusività e delle discriminazioni legate all’orientamento sessuale. Le lezioni, che saranno in tutto 4, sono organizzate dal Comune di Follonica grazie ai fondi della Regione Toscana legati al Ready – la Rete nazionale delle Regione e degli Enti locali per prevenire e superare l’omotransfobia.

Gli incontri sono destinati a tutti i cittadini che intendono approfondire l’argomento.

Per partecipare è necessario inviare una mail a progettoready@comune.follonica.gr.it entro il giorno precedente l’incontro. Verrà inviata una mail di risposta che conterrà il link per collegarsi alla piattaforma online.

Il primo incontro, che si terrà il 22 ottobre dalle 15 alle 17.30, affronterà le recenti teorizzazioni filosofiche dal queer al post-gay, analizzando anche come l’orientamento sessuale e di genere stia mutando nella società contemporanea.

Il secondo incontro, che si terrà il 25 ottobre dalle 15 alle 17.30, si concentrerà sul Ddl Zan e le politiche inclusive: dalle norme ai linguaggi ecologici e attenti a soggetti, famiglie e relazioni Lgbtiq+, mostrando con trials specifici quali linguaggi siano corretti per soggetti, ad esempio, non binari.

Il terzo incontro, previsto per il 4 novembre dalle 10.30 alle 13, sarà invece dedicato a intercettare i bisogni della complessità, affrontando il tema degli strumenti di rilevazione e della pratiche inclusive. L’ultimo incontro, in calendario il 9 novembre dalle 10.30 alle 13, prevede un ampio spazio progettuale, dove si darà modo di analizzare i bisogni del territorio, pensando a politiche inclusive di medio e lungo termine.

Il percorso, pensato appositamente per fornire strumenti e metodologie efficaci, verterà precipuamente su quali pratiche territoriali e quale politiche di genere Lgbtiq+ sia necessario porre in atto per sviluppare l’inclusione sociale e relazionale. In tal senso gli incontri formativi, saranno strutturati e arricchiti con materiali appositamente predisposti che verteranno sugli snodi centrali delle pratiche inclusive e su quali politiche produrre nei territori.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button