Costa d'argentoPolitica

Messa in sicurezza dell’Aurelia e bonifica Sitoco: Giannarelli incontra i ministri

Con il viceministro alle infrastrutture Cancelleri Giacomo Giannarelli ha fatto il punto sulle opere prioritarie e realmente utili per i cittadini toscani

Una giornata fitta di appuntamenti quella che ha visto giovedì scorso il presidente del gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle Toscana Giacomo Giannarelli a Roma per portare al Ministero del lavoro, al Ministero delle infrastrutture, al Ministero dell’ambiente e al Ministero della giustizia le richieste dei cittadini toscani.

Con il viceministro alle infrastrutture Cancelleri Giacomo Giannarelli ha fatto il punto sulle opere prioritarie e realmente utili per i cittadini toscani. Elenco di priorità frutto del suo lavoro al fianco dei territori e dei consiglieri comunali, che ha portato in autunno all’approvazione in Consiglio regionale della sua mozione che stabilisce l’elenco delle opere prioritarie in Toscana.

Sul grossetano Giannarelli ha posto in particolar modo l’attenzione sulla necessità della messa in sicurezza dell’Aurelia.

Il viceministro ha annunciato in merito un prossimo incontro con Anas – afferma Giannarelli, in modo che si possa finalmente giungere dopo i troppi ritardi alla definitiva sistemazione di questa strada“.

A Giannarelli fa eco Alfredo Velasco, portavoce pentastellato nel Comune di Orbetello: “Si tratta di un lavoro necessario per il grossetano e che permetterà di salvare centinaia di vite e rendere migliore il collegamento, anche a fini commerciali, tra il nord e il sud del Paese“.

A seguire il presidente del gruppo consigliare M5S Toscana ha incontrato il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare Sergio Costa. Giacomo Giannarelli ha posto alla sua attenzione la bonifica del Sin ex Sitoco di Orbetello, bonifica che da anni procede a rilento. Anche su questo punto il Ministro Costa ha annunciato il suo impegno, tanto che dal primo gennaio 2020 è stata attivata la nuova direzione generale bonifiche per accelerare le bonifiche attese in tutta Italia.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button