Colline MetallifereSalute

Medici a Roccastrada: gruppo spontaneo di cittadini organizza incontro con Ulmi

L'incontro è in programma venerdì 27 gennaio, alle 17.30

Anche a Roccastrada si è formato un gruppo spontaneo di cittadini che ha deciso di affrontare in un incontro pubblico il tema delle problematiche della sanità ed in particolare dell’assenza dei medici di famiglia e dei pediatri.

Lo faranno in un evento con il vicepresidente della commissione sanità del Consiglio regionale Andrea Ulmi, dal titolo “Medici a Roccastrada, qualcosa si muove ma non basta”. Si svolgerà al centro civico del paese venerdì 27 gennaio alle 17.30. I cittadini partono dal presupposto che, per una comunità di novemila abitanti, i due medici che arriveranno non sono sufficienti e, dunque, si pongono la domanda di come si possa intervenire in tempi rapidi, anche alla luce di una problematica, che, oltre a Roccastrada e a Ribolla, tocca anche altre frazioni del comune.

“La decisione di invitare il consigliere regionale Ulmi – scrivono gli organizzatori è quella di fare il punto sulla situazione della sanità in Toscana, alla luce anche del suo impegno diretto per reperire nuovi medici per il Comune di Roccastrada. Quello che vogliamo capire è come si può tamponare una problematica reale nell’immediato, ma anche come si può rendere nuovamente Roccastrada appetibile per i professionisti ed evitare che, tra qualche mese, la situazione degeneri nuovamente”.

Un confronto che non vuole essere politico, ma istituzionale. “Il consigliere Ulmi – sostengono gli organizzatori -, nel suo ruolo di vicepresidente della Terza commissione, è a conoscenza di quello che accade alla sanità toscana ed è importante che possa tracciare quella che è la situazione reale. In questo momento la gente, oltre che di soluzioni, ha bisogno di chiarezza. Sappiamo che Ulmi, anche nella sua qualità di medico, oltre che di consigliere regionale, ha fatto delle proposte ed ha un confronto costante con la Asl anche per affrontare la questione di Roccastrada. Ci fa piacere che abbia accettato il nostro invito per poter ragionare con noi di problematiche e di possibili soluzioni, ma che possa toccare con mano e riportare a Firenze quello che è un disagio che sul territorio di Roccastrada stiamo vivendo da troppo tempo”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button