Ambiente

Lotta ai rifiuti marini e all’inquinamento costiero: Festambiente incontra i Comuni maremmani

Il problema dei rifiuti marini e costieri si è ormai trasformato in una vera emergenza che le amministrazioni locali e le imprese della filiera del mare, dalla pesca al turismo devono affrontare pressoché quotidianamente. Un problema che ha cause endogene, per i troppi cittadini che ancora non effettuano una corretta differenziazione dei rifiuti, o peggio li abbandonano in ambiente, (dal singolo rifiuto, alla piccola discarica abusiva) ed esogena per i rifiuti che si accumulano lungo costa portati dai fiumi o restituiti dalle mareggiate.

In questi mesi, il circolo Festambiente, grazie agli esperti del progetto Eni Cbcmed Common, ha promosso tavole rotonde virtuali con i tanti operatori dell’economia del mare (balneari, albergatori, diving, pescatori, etc.) per recepirne criticità, ma soprattutto idee e disponibilità ad essere parte attiva della soluzione.

“Una propositività che talvolta ci ha persino sorpreso – spiega Valentina Mazzarelli, coordinatrice territoriale del progetto –, soprattutto per l’approccio innovativo alla risoluzione del problema e la disponibilità a verificare con le amministrazioni come collaborare e mettere in pratica queste idee. A dimostrazione di quanto la gestione dei rifiuti urbani e costieri rappresenti una criticità trasversale a tutte le categorie sia come soggetti attivi (che li producono e devono smaltirli) che passivi, legato all’immagine che un territorio che fa della qualità ambientale il suo biglietto da visita deve saper coerentemente trasmettere”.

E anche di queste criticità e proposte si è parlato il 5 maggio durante la tavola rotonda che ha riunito i Comuni di Orbetello, Monte Argentario, Isola del Giglio, Grosseto, Castiglione della Pescaia, Follonica e Scarlino.

Ognuno – conclude Mazzarelli ha illustrato le tante problematiche diverse, derivanti dalle rispettive conformazioni territoriali o da vincoli dell’attuale sistema di raccolta, ma tutti hanno numerosi progetti attivi o in procinto di partire proprio con questa stagione estiva. Più importante, inoltre, la grande consapevolezza e disponibilità verso le proposte delle categorie economiche e rispetto a verificare progettualità comuni, da attuare nel breve e medio periodo, in modo che la costa maremmana possa lavorare in modo più sistemico, ottimizzando i risultati”.

È stato un confronto franco e molto costruttivo per tutti – spiega Angelo Gentili, presidente del circolo Festambiente -. La costa maremmana, da anni ormai 5 Vele, si è sempre distinta sul panorama nazionale e alcuni Comuni sono divenuti dei veri e propri esempi. Le progettualità avviate o in partenza dimostrano però come in questi ultimi 5 anni questo territorio abbia fatto un grande salto di qualità, con approcci sempre più innovativi e sempre più collegati con le realtà che operano nel territorio e per questo destinati a raggiungere risultati promettenti. Dal canto nostro continueremo a incentivare questo cambio di passo e, anche grazie a progetti come Common, metterli in rete con altre esperienze nazionali ed internazionali perché dal confronto possano nascere occasioni di ulteriore crescita e innovazione per uno sviluppo territoriale sempre più sostenibile”.

E il prossimo appuntamento per i Comuni maremmani sarà proprio quello di un confronto con i colleghi del Salento. Quest’area pugliese è infatti la seconda area pilota del progetto Common ed è in fase di organizzazione per il mese di giugno un appuntamento per confrontarsi su idee e esperienze attivate nei vari territori e gettare le basi di future cooperazioni tra queste due regioni, molto simili per bellezza e economie del mare.

Il progetto Common è finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Programma Eni Cbc Med per circa 2,2 milioni di euro e vede coinvolti Legambiente, l’Università di Siena, l’Istituto nazionale di scienze e tecnologie del mare di Tunisi, il Ciheam Bari, l’Ong libanese Amwaj of the Environment, l’Università di Sousse e la riserva naturale di Tyre, in Libano. L’obiettivo comune è la riduzione del marine litter in 5 aree pilota euro-mediterranee, pianificando l’uso e il monitoraggio delle risorse e utilizzando un approccio partecipativo, con l’ambizione di testare un modello potenzialmente trasferibile a tutto il bacino mediterraneo.

Maggiori informazioni: http://www.enicbcmed.eu/projects/commonwww.commonproject.it

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button