Ambiente

Rischio idraulico, il Consorzio Bonifica incontra il Cirf: “Albegna sorvegliato speciale”

I cambiamenti climatici impongono scelte nuove e importanti

I cambiamenti climatici impongono scelte nuove e importanti. Ne è consapevole il Consorzio 6 Toscana Sud che ha deciso di procedere con decisione sulla strada di un approccio ecologico alla manutenzione dei corsi d’acqua.

E’ questo il tema affrontato dal presidente Fabio Bellacchi nell’incontro, organizzato da Anbi Toscana, con la presidente nazionale del Cirf (centro di riqualificazione fluviale) Laura Leone e il direttore generale Andrea Goltara.

E’ stato un confronto utile e costruttivo che porterà a definire procedure condivise per minimizzare il rischio idraulico attraverso una gestione ecologica e integrata del reticolo”, ha commentato il presidente Bellacchi, che ha già invitato i dirigenti del Cirf ad effettuare con lui un sopralluogo su alcuni dei principali corsi d’acqua del comprensorio, a cominciare dall’Albegna, investito di recente da una violenta ondata di maltempo.

Come già evidenziato dal senatore Roberto Berardi, nel corso di una ricognizione dell’area colpita dalle forti precipitazioni – ha commentato Bellacchi, il lavoro svolto dal Consorzio ha permesso di superare le problematiche registrate sul territorio. I nostri tecnici e operai sono ancora al lavoro per completare tutti gli interventi di somma urgenza. Nel frattempo stiamo monitorando con attenzione l’Albegna, soprattutto nel tratto a monte del Ponte della Marsiliana. Proprio per tenere sotto ‘stretta sorveglianza’ il fiume, dopo un incontro con i proprietari dei fondi limitrofi e un sopralluogo con l’ingegner Renzo Ricciardi, direttore del Genio Civile Toscana Sud, abbiamo considerato utile coinvolgere il Cirf per pianificare la terapia più adeguata alla mitigazione del rischio idraulico sull’intero corso d’acqua”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button