Pubblicato il: 22 Novembre 2019 alle 11:38

AttualitàGrosseto

Violenza tra le mura domestiche: se ne parla in un incontro della Commissione pari opportunità

In programma è prevista la visione del cortometraggio “Il dono che non ho”

Oggi pomeriggio, a partire dalle 14.30, la Commissione provinciale alle pari opportunità organizza in sala Pegaso, nel palazzo della Provincia, un evento dedicato all’abbattimento del muro di omertà che si genera quando viene trattato il tema della violenza sui minori.

L’evento è stato pensato come un incontro-dialogo, strutturato in modo da sollecitare i sensi degli spettatori a tutto tondo. In programma è infatti prevista la visione del cortometraggio “Il dono che non ho”, realizzato dalla regista Silvia Fazzi insieme alla Corallo Production, seguito poi da un momento di confronto tra il pubblico e le due esperte presenti, la dottoressa Elena Lucchini, psicologa e psicoterapeuta, e la dottoressa Pamela Calussi.

Quando ho conosciuto Silvia Fazzi – spiega Cristina Cherubini, vicepresidente della Commissione pari opportunità – ed ho guardato la sua opera, ho compreso quanto la tematica da lei affrontata sia di estrema importanza sociale ed in linea con gli aspetti sociali che la Commissione ha il dovere di affrontare, portandoli all’attenzione della comunità, sensibilizzando la popolazione e contribuendo così all’eradicazione di tali problematiche”.

L’universo a cui si rivolge l’evento, intitolato “Violenza tra le mura domestiche”, è quello che gira intorno al bambino, si tratta infatti di esponenti della scuola, del mondo dello sport e senza dubbio delle famiglie.

La frase entro la quale abbiamo deciso di racchiudere ogni nostro progetto – spiega Lucia Morucci, presidente della Commissione pari opportunità di Grosseto -, #nonosolo25novembre voce al silenzio, assume per noi un significato di continuità, dei progetti da noi intrapresi, ma soprattutto degli intenti della Commissione; è necessario che la comunità percepisca che il nostro operato non si esaurisce nell’organizzazione di eventi di sensibilizzazione contro la violenza sulla donna, ma è molto più ampio ed abbraccia ogni tipo di barriera esistente ad oggi, che è nostra volontà abbattere>>.

La cittadinanza è invitata a partecipare ed è inoltre caldamente incoraggiata a trascorrere con la commissione un pomeriggio non da semplici spettatori, ma da attori principali, portatori di esperienze con il compito per il futuro di trasmettere il messaggio che oggi la commissione donerà loro.

“Il 20 novembre è stata la Giornata internazionale dedicata ai diritti dei bambini – aggiunge Olga Ciaramella, consigliere provinciale alle pari opportunità –: oggi verrà proiettato un cortometraggio che parla del diritto dei bambini alla protezione e alla sicurezza in ambito familiare. La casa, che dovrebbe essere il luogo più sicuro e protetto, spesso diventa un inferno per chi vi abita. Il bambino diventa soggetto di abusi fisici e/o psicologici oppure ne è spettatore passivo. Le conseguenze di un’infanzia abusata sono drammatiche. Serve prenderne coscienza, accendere i riflettori su questa scabrosa tematica ed elaborare una strategia efficace per contrastarla“.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su