Costa d'argentoCultura & Spettacoli

“Il Giglio. I 10 anni che sconvolsero l’isola”: al via la mostra sul naufragio della Concordia

L'inaugurazione si terrà sabato 16 luglio, alle 18.

A Palazzo Collacchioni di Capalbio arriva la mostra “Il Giglio. I 10 anni che sconvolsero l’isola” di Silvano Polvani e Carlo Tardani, un evento fortemente voluto anche dalla Giunta Chelini.

L’inaugurazione si terrà sabato 16 luglio, alle 18.

Crediamo che sia molto importante – commenta Patrizia Puccini, assessore con delega alla xultura – avere la possibilità di ospitare nel nostro territorio la mostra sulla tragedia della Concordia. Il naufragio del 2012 ha profondamente colpito la Maremma e i suoi cittadini e, nonostante siano passati oltre dieci anni, il ricordo di ciò che successe al Giglio è ancora vivido“.

L’esposizione è composta da quarantacinque scatti, tutti in bianco e nero, contenuti anche nel libro di Polvani e Tardani, che sarà presentato nei giorni della mostra. Le immagini, inoltre, saranno accompagnate dalle storie e dai racconti di chi ha vissuto in modo diretto la tragedia del naufragio, come don Lorenzo Pasquinotti che aprì le porte della sua chiesa per accogliere i naufraghi, il sindaco Sergio Ortelli, il vicesindaco Mario Pellegrini dell’Isola del Giglio e il sommozzatore Andrea Cencetti.

“Il libro e la mostra fotografica – dichiara Silvano Polvaninascono come strumenti per non dimenticare le vittime e stimolare la memoria. Quest’ultima, per quanto non sempre piacevole, è sempre più fondamentale per riscoprire i valori da proporre alle nuove generazioni”.

“La tragedia della Concordia – spiega Carlo Tardani, autore delle fotografie – è stato un punto di partenza, seppur drammatico, per migliorare la sicurezza e la tecnologia delle navi, rafforzando gli interventi delle autorità competenti“.

L’ingresso è libero e le fotografie resteranno esposte fino a sabato 30 luglio.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button