Pubblicato il: 5 Agosto 2019 alle 12:12

Cultura & SpettacoliGrosseto

“Il fuoco e la polvere”: Mauro Garofalo presenta il suo nuovo libro a San Rabano

Il Parco della Maremma non è solo un'area protetta caratterizzata da molti itinerari, ma è anche un luogo culturale

Il Parco della Maremma non è solo un’area protetta caratterizzata da molti itinerari, ma è anche un luogo culturale che ospita mostre e presentazioni di libri.

Venerdì 9 agosto, alle 16.30, infatti, verrà presentato a San Rabano, dopo un interessante trekking con una guida esperta di storia dell’arte, il libro di Mauro Garofalo “Il fuoco e la polvere“.

Una volta giunto a San Rabano, il gruppo potrà conoscere l’autore del libro, in parte ambientato in questa località. Un’occasione per fare domande e scoprire sotto un nuovo punto di vista, romanzato, questo luogo affascinante di per sé, ma reso ancora più magico dalle storie che vengono narrate nel libro di Garofalo.

L’opera è ambientata nel 1862, nel contesto dell’industrializzazione post-unitaria che tentava di distruggere il mondo contadino ed i suoi abitanti. In questa ambientazione, il focus del romanzo si concentra su un gruppo di uomini che lotta fino alla morte per difendere i propri ideali e le proprie terre e trova rifugio proprio tra i ruderi dell’abbazia benedettina.

Un romanzo di azione e d’amore che si intreccia con la storia, con un ritmo coinvolgente e ricco di colpi di scena.

La prenotazione per prendere parte a questo evento gratuito, originale ed interessante, è obbligatoria, contattando il centro visite al numero 0564.393238 o scrivendo all’indirizzo e-mail [email protected]

L’autore

Mauro Garofalo, nato a Roma nel 1974, è cresciuto in Maremma, vive a Milano. Ha esordito come giornalista di cronaca, negli anni ha collaborato con numerose testate nazionali. Per La Stampa Tuttogreen scrive i “Racconti dal Bosco”, interviste e articoli a tema ambiente e cultura. È titolare del corso di Scrittura presso il Centro sperimentale di cinematografia, sede Lombardia, insegna storytelling alla civica Scuola di cinema “Luchino Visconti”. Camminatore delle alte vie di montagna, da qualche tempo preferisce i boschi. Nel 2016 ha esordito nella narrativa con “Alla fine di ogni cosa”, che ha vinto numerosi premi, tra i quali il Premio internazionale Città di Como, il Premio Segafredo Zanetti – Un libro per il cinema, Il Premio Ali-Librai Ascom Memo Geremia e il Premio Città di Cuneo per il primo romanzo.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su