Colline Metallifere

Il Comune di Massa Marittima in prima linea nel contrasto all’evasione dei tributi

L’ufficio tributi di Massa Marittima è in prima linea  per il contrasto all’evasione dei tributi di natura erariale in forza della legge 248 del 2 dicembre 2005, con cui viene chiesta la collaborazione dei Comuni nel contrasto all’evasione tributaria attraverso le cosiddette “segnalazioni qualificate”. Per segnalazioni qualificate si intendono quei comportamenti riguardanti “posizioni soggettive in relazione alle quali sono rilevati e segnalati atti, fatti e negozi che evidenziano, senza ulteriori elaborazioni logiche, comportamenti evasivi ed elusivi”.

L’ufficio tributi del Comune di Massa Marittima ne ha effettuate 41 (di cui 6 alla Guardia di Finanza) negli ultimi quattro anni: le segnalazioni hanno riguardato principalmente il fenomeno degli affitti in nero, la difformità tra la destinazione urbanistica degli immobili e loro utilizzo (esempio attività commerciali esercitate in fondi con destinazione catastale di garage o magazzino), omesse denunce al catasto.

Dette segnalazioni vengono inoltrate in formato digitale on line all’Agenzia delle Entrate o alla Guardia di Finanza che provvedono alle ulteriori verifiche ed a elevare i relativi accertamenti.

In questi ultimi anni- a parlare è l’Assessore al Bilancio e Patrimonio, Giacomo Michelinimolti sono stati i  Comuni che hanno stipulato dei protocolli d’intesa per una più incisiva lotta all’evasione fiscale. Credo che il nostro ufficio tributi vada ringraziato e il ringraziamento viene da tutta la cittadinanza per il prezioso lavoro che svolge. Non è facile stare al pubblico di questi tempi e soprattutto non è facile starci su certi temi come quello dell’evasione tributaria. Chiunque ormai considera – continua l’Assessore Michelini – l’attuale sistema economico ingiusto alla radice e hanno ragione, quindi c’è chi preferisce la strada dell’evasione per tirare avanti o per non sentirsi schiacciare e prendere in giro da certe logiche, strada che non dovrebbe essere in nessun modo permesso di percorrere. Ma la politica italiana -conclude l’assessore-, tanto chiacchierona, su certi temi tace, troppo presa dagli umilianti fatti di corruzione ramificata e di  evasione fiscale di un egoismo inaudito”.

L’attività ha comportato oltre che ad un palese apprezzamento da parte sia dell’Agenzia delle Entrate e della Guardia di Finanza sulla qualità e quantità delle segnalazioni effettuate, anche un gettito a favore del Comune di Massa Marittima che viene versato dall’Agenzia delle Entrate al pagamento dell’accertamento da parte del contribuente.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button