Colline MetallifereCultura & Spettacoli

”I canti della terra”: il Festival delle Viole diventa una serie video

Questi filmati, che rappresentano altrettante performance musicali, saranno diffusi sui canali social media del Parco nazionale delle Colline Metallifere

Sono cinque i video, dal titolo ”I canti della terra”, che raccontano come sia possibile coniugare la grande musica con il fascino di un territorio: quello di Montieri, nel Parco nazionale delle Colline Metallifere.

Questi filmati, che rappresentano altrettante performance musicali, saranno diffusi sui canali social media del Parco nazionale delle Colline Metallifere dal 18 al 22 dicembre. In un momento dove a causa dell’emergenza sanitaria non è più possibile organizzare concerti ed eventi, questi video sono lo strumento per celebrare e mettere in connessione la Festa dei Parchi, promossa dalla Regione Toscana per valorizzare le proprie aree protette, e il Festival delle Viole di Gerfalco, una produzione Festival delle Viole e Ars Regia e organizzato dal Comune di Montieri, dedicato alla musica antica; in particolare, alla viola da gamba e agli strumenti musicali del repertorio barocco e rinascimentale.

Si tratta del primo festival italiano dedicato a questo antico e nobile strumento e dal 2011 ad oggi vi hanno partecipato musicisti venuti da varie parti del mondo e molti dei quali sono affermati concertisti. Anche se quest’anno non è stato possibile organizzare i concerti per l’emergenza Covid, l’idea è stata quella di produrre dei video nei luoghi più rappresentativi della riserva naturale delle Cornate e Fosini, una delle aree più importanti dal punto di vista naturalistico e storico d’Europa, in grado di mettere insieme musica e territorio. I video, prodotti dalla Regione Toscana, dal Comune di Montieri e dal Parco nazionale delle Colline Metallifere, sono stati girati in cinque diverse location dove si sono svolte le performance musicali di Stefano Agostini, traversiere barocco e docente di flauto all’Istituto Mascagni di Livorno, e del gruppo musicale Ars Regia, formato da Bianca Barsanti, soprano, Alessandro Pierini, viola da gamba, Cristiano Cei, chitarra barocca e tiorba, e Dimitri Betti, clavicembalo e organo.

I brani eseguiti sono tutti del grande repertorio europeo del Seicento e del Settecento. I video sono stati ideati dal direttore artistico del Festival delle Viole Alessandro Pierini, la regia, le riprese e il montaggio sono di Federico Santini e l’organizzazione di Alessandra Casini. I luoghi scelti sono stati Gerfalco, la chiesa di San Biagio e la scalinata, la chiesa di San Filippo e Paolo e la canonica di San Niccolò a Montieri, il bosco delle Carline, la vetta delle Cornate nella riserva regionale Cornate e Fosini.

Le immagini delle performance musicali sono intercalate da riprese della riserva e del Parco delle Colline Metallifere. Il titolo del video, “I canti della terra”, è stato scelto dal direttore artistico del Festival Alessandro Pierini perchè può presentare la musica antica in “luoghi antichi nel rispetto del silenzio, un incontro tra arte, musica, suoni e natura”.

“Abbiamo voluto creare un lavoro di altro profilo insieme alla Regione, al Parco e alla direzione artistica del festival – ha spiegato il sindaco di Montieri Nicola Verruzzi nella conferenza stampa in streaming di presentazione del progetto –, dove la musica sposa un territorio unico nel suo genere come quello delle Cornate, il borgo di Gerfalco, ma anche altri luoghi di grande valore del nostro comune. Questo per aprire le porte ad un nuovo sviluppo del festival, ma anche del territorio. e lanciare un messaggio che possa essere raccolto e valorizzato anche negli anni a venire”.

Si tratta di un bel lavoro in sinergia – ha aggiunto Lidia Bai, presidente del Parco nazionale delle Colline Metallifere –, che valorizza quella provincia profonda, la più lontana e spesso dimenticata lontana dai grandi centri, ma che dopo l’emergenza Covid può rappresentare il futuro. Luoghi in cui possiamo ripartire e ridisegnare la nostra società fatti di percorsi, cultura, paesaggio. In questi video si respira una sensibilità assolutamente condivisa nella rete dei geoparchi Unesco, in particolare quelli europei, che sono luoghi come il nostro con tanti valori da esprimere, da mettere in rete e far conoscere e rappresentano territori che con forza vogliono mantenere e valorizzare la loro identità”.

I video saranno proposti secondo le cinque location e diffusi sui social media del Parco nazionale delle Colline Metallifere (Facebook, Instagram e Youtube) in cinque date, con questo programma: venerdì 18 dicembre Montieri, chiesa di San Paolo e Filippo, sabato 19 dicembre Le Cornate, domenica 20 dicembre la canonica di San Niccolò, lunedì 21 dicembre il bosco delle Carline e martedì 22 dicembre Gerfalco; i video saranno disponibili dalle ore 12.

Ecco il teaser dei video “I canti della Terra”:

Questo il dettaglio dei brani musicali e delle location:

  • Montieri – Chiesa di San Filippo e Paolo – August Khunel (?-1699) – Henry Purcell (1659-1695) – An Evening Hymn;
  • Vetta Cornate – Jacques Hotteterre le Romain (1673- 1763) – Echos pour la Flute Traversiere seule (1708) – “Feuillages vert naissez” dalla raccolta “Airs e brunettes à deux et trois dessus ” (1710-1730);
  • Montieri  – Canonica di San Niccolò – Robert De Visée (1650c. – 1725), Prélude Sol Majeur – Jean-Baptiste de Bousset (1662 – 1725) – Pourquoi, doux rossignol;
  • Bosco delle Carline – Henry Purcell (1659-1695) – Music for a while;
  • Gerfalco – Chiesa di San Biagio, scalinata – Anonimo XVI secolo – Scarborough Fair.
Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button