Cultura & Spettacoli

Gustatus: un pomeriggio tra cultura ed enogastronomia

Gustatus, il tradizionale appuntamento con l’enogastronomia ospitato ad Orbetello questo fine settimana è anche sinonimo di letteratura questo pomeriggio.

 Alle 17,00 infatti, al Gazebo Letterario in piazza del Priore, la scrittrice grossetana Dianora Tinti presenterà il suo ultimo libro: “Storia di un manoscritto”.

Quasi interamente ambientato in Maremma, il coinvolgente romanzo narra la storia di un manoscritto che cade nelle mani di un editor, Laura, donna di raro valore, con pregi e difetti come tutti, nella cui vita c’è un piccolo grande segreto.

 Inoltre, alle 18,30 in Piazza Eroe dei due Mondi  sarà presentata all’interno dello spazio gestito da Radioattiva. “Trenta Trattorie per Trentenni”, la prima guida libera al mangiar bene in Maremma e sull’Amiata, di Lorenzo Carresi e Giuseppe Orfino. 

“Trenta Trattorie per Trentenni”, edito da Arca Edizione, ha già riscosso un grande successo tanto da essere arrivata alla seconda ristampa in meno di sei mesi dalla sua uscita in libreria. E’ una guida libera e giovane, la prima mai scritta sul territorio. Ironica e divertente, vuole essere uno strumento utile per risolvere il ricorrente interrogativo del “dove andare a cena fuori”. Il lungo filo che unisce tutti i locali selezionati è il piacere di incontrarsi a tavola. Ne scaturisce una fotografia un po’ mossa del panorama grossetano della ristorazione, dinamico e in continuo cambiamento.

I 2 autori, in più di tre anni di lavoro, hanno testato un totale di 232 ristoranti, percorrendo oltre 2000 chilometri lungo la provincia. Si sono messi in cammino, seguendo indicazioni di amici, conoscenti, appassionati ma anche spulciando siti internet e social network. Hanno visitato i ristoranti sempre in incognito e mai rivelando i loro reali intenti. In ogni locale, si sono attenuti ad un metodo scrupoloso, assaggiando più portate possibili, giudicando l’ambiente ed il servizio, la carta dei vini, il parcheggio e perfino la toilette. Accanto alla descrizione del ristorante, una scheda racconta il luogo in maniera originale e divertente, ricorrendo anche ai tag, le “etichette” da catalogazione utilizzate su internet. La voce “Abbiamo speso” è la somma del costo di un antipasto, un primo o un secondo, dolce, digestivo e vino della casa. Nel “Ci piace”, invece, è descritto il particolare che più è rimasto nel cuore degli autori. In appendice, poi, un vero e proprio glossario della cucina maremmana e la top 30 del “Meglio di tutto”: altri trenta consigli sui migliori posti dove fare colazione, mangiare un hamburger o bere un bicchier di buon vino.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button