Home GrossetoScuola Grosseto Sicurezza stradale: gli “Slow Party” fanno tappa all’Istituto “Manetti” e al “Lorena” di Grosseto

Sicurezza stradale: gli “Slow Party” fanno tappa all’Istituto “Manetti” e al “Lorena” di Grosseto

di Redazione
0 commento 7 views

E’ la terza settimana del tour degli “Slow Party”, gli incontri con le quarte e quinte classi degli istituti superiori del territorio per presentare la campagna di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale “Slow – andateci piano”, realizzata dalla Provincia di Grosseto.

Oltre 1600 i ragazzi delle superiori che saranno coinvolti ed educati ad una guida corretta, all’attenzione e al rispetto delle norme del codice della strada, all’interno di una atmosfera ludica e divertente. Gli appuntamenti continuano mercoledì 2 aprile, con gli studenti dell’istituto “Manetti” di Grosseto, mentre giovedì 3 aprile sarà il turno degli alunni del “Lorena”.

Nel corso dell’iniziativa, saranno regalate le magliette col logo di Slow e distribuiti i pieghevoli “La Polizia provinciale c’è”, con la sintesi delle situazioni in cui si può chiedere l’aiuto della Polizia. Ma il momento clou sarà la proiezione di “Speed maniac? Drive slow!”, il video della campagna che ha già totalizzato 2500 visualizzazioni sul canale YouTube della Provincia.

Il protagonista del video è l’attore Luca Di Giovanni, noto al grande pubblico per lo spot di Sky. Nella campagna interpreta un ragazzo simpatico e vivace che però, nel compiere normali azioni quotidiane, va così veloce da essere del tutto inefficace: lavorando in un ufficio, preme il bottone dell’elimina code in continuazione tanto da far infuriare gli utenti; alla cassa di un supermercato, passa i prodotti sullo scanner come un indemoniato; a lezione di tai-chi, i suoi movimenti inconsulti suscitano l’ilarità degli altri sportivi. Infine, nella casa di riposo regala ad un vecchio parente un bel paio di occhiali da corsa, per poi spingere la carrozzina del nonno a tutta velocità, tanto da essere fermato dalla Polizia provinciale per aver superato i limiti consentiti.

Il video è stato realizzato con la regia di Stefano Lodovichi, giovane talento grossetano, vincitore di diversi premi nazionali e internazionali, e la produzione di Carlo Tozzi.

Per vedere il video, è possibile collegarsi al link www.youtube.com/watch?v=ZctdTcSD3yI

Stefano Lodovichi

Nato a Grosseto nel 1983, si è laureato in metodologie del linguaggio cinematografico a Siena. Lavora da dodici anni, inizialmente come assistente e poi come regista, per cinema, televisione, pubblicità e videoclip. Tra i suoi lavori il corto “Dueditre”, il documentario breve “Figli di Dio”, parte del film partecipato “Pranzo di Natale”, il film documentario “Pascoli a Barga” e il lungometraggio “Aquadro”.

Scheda video:

  • diretto da Stefano Lodovichi;
  • prodotto da Carlo Tozzi;
  • con Luca Di Giovanni;
  • scritto da Lorenzo Lodovichi, Jean Elia, Stefano Lodovichi con il contributo di Francesca De Bassa;
  • direttore della fotografia: Benjamin Maier;
  • fonico: Iacopo Pineschi;
  • scenografia: Antonio Borea;
  • costumi: Sara Facchini;
  • trucco: Beatrice Contino;
  • assistente alla regia: Niccolò Falsetti;
  • assistenti operatore: Francesco Peruzzi;
  • elettricista: Maurizio Baisi;
  • assistente di produzione: Alessandro Veridiani;
  • montaggio: Roberto Di Tanna;
  • color – vfx: Ernesto Zanotti;
  • consulenza montaggio sonoro: Davide Favargiotti.
Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy