Home Grosseto Grosseto in prima linea contro i disturbi alimentari: inaugurata la sede della Fondazione Fiocchetto Lilla

Grosseto in prima linea contro i disturbi alimentari: inaugurata la sede della Fondazione Fiocchetto Lilla

di Redazione
0 commento 71 views

Grosseto. Oggi, mercoledì 12 giugno, è stata inaugurata la sede nazionale della Fondazione Fiocchetto Lilla in via Aurelia Nord 217/D, a Grosseto.

La Fondazione Fiocchetto Lilla è nata nel 2023 dall’unione di due associazioni di familiari attive sul territorio nazionale e altri soci fondatori: “Mi nutro di vita” (Genova), presieduta da Stefano Tavilla, che ha visto morire la figlia; “Perle Onlus”, fondata nel 2004 a Grosseto da Mariella Falsini, che la malattia la conosce da vicino.

Tra i fondatori della Fondazione anche Francesca Lazzari, che ha perso uno dei suoi quattro figli, Micaela Bozzolasco, e Sebastiano Ruzza, che hanno vissuto la malattia sulla propria pelle, Simona Corridori, ideatrice del Codice Lilla, e Maria Carla Martinuzzi.

A un anno dalla sua nascita, la Fondazione presenta ufficialmente la sua sede nazionale, già attiva da qualche mese, concessa in comodato d’uso dalla San Giovanni Servizi Srl di Massimo Zanardi e Antonella Marchionni.

“Una sede preziosa – dichiara Mariella Falsini, presidente della Fondazione e presidente dell’associazione Perle Onlus – che consentirà di portare avanti gli obiettivi della Fondazione, di accogliere persone che ne avranno necessità, di progettare e collaborare con enti, regioni e ministeri, cose che abbiamo già fatto come associazioni locali e che continuiamo a fare come Fondazione Fiocchetto Lilla”.

Una sede che, oltre a portare avanti le attività quotidiane di accoglienza nei confronti di persone affette da malattie del comportamento alimentare e dei loro familiari, in questi ultimi mesi ha visto nascere e sviluppare delle progettualità ambiziose.

Nello specifico, la Fondazione sta lavorando, di concerto con il Ministero della Sanità, all’attivazione di due progettualità:

  • il Codice Lilla, un protocollo da attivarsi nei pronto soccorso allo scopo di riconoscere tempestivamente le malattie del comportamento alimentare e trattarle adeguatamente;
  • un protocollo di prevenzione delle malattie del comportamento alimentare da attivarsi in età scolare.

La Fondazione Fiocchetto Lilla è inoltre in prima linea anche sul tema della ricerca scientifica grazie al protocollo d’intesa firmato in questo primo anno di attività con l’azienda farmaceutica Aliveda.

Anoressia, bulimia, binge eating, vigoressia, ortoressia. Le malattie del comportamento alimentare (note come Dca o, più recentemente, Dna-Disturbi della nutrizione e dell’alimentazione) sono diventate nel tempo una vera e propria emergenza nazionale e sociale.

Dopo la pandemia, hanno raggiunto numeri impressionanti con un aumento che sfiora il 40% e una crescita dei ricoveri che tocca il 50%. Vittime soprattutto gli adolescenti, ma anche gli adulti, spesso dimenticati e considerati troppo compromessi per ricevere cure adeguate, contano circa 3780 morti in un anno.

Una piaga sociale che colpisce in modo trasversale indipendentemente dal reddito, dal genere e dal livello culturale.

Le malattie del comportamento alimentare sono malattie psichiatriche complesse che coinvolgono la mente e il corpo. Pericolose perché subdole e mortali. Nella fascia adolescenziale rappresentano la seconda causa di morte dopo gli incidenti stradali. Ne soffrono 4 milioni di persone, sempre più bambini (tra i 9 e i 12 anni) e sempre più maschi.

“Nonostante questo le problematiche connesse ai Dca/Dna non sono ancora oggi percepite nella loro reale incidenza e portata distruttiva – continua Mariella Falsini -, gli approcci di cura sono per lo più profondamente inadeguati e disomogenei nelle varie zone del territorio nazionale. Le malattie del comportamento alimentare costituiscono un’emergenza silenziosa nel nostro Paese, spesso coperta da vergogna, non riconoscimento, trascuratezza e sottovalutazione, non solo sociale e culturale, ma anche medica e sanitaria”.

Si può entrare in contatto con la Fondazione Fiocchetto Lilla telefonando al 393.9939444 o scrivendo a info@fondazionefiocchettolilla.it. La sede è aperta a tutti, previo appuntamento.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy