Home GrossetoSalute Grosseto Tumori del cuore: i risultati di uno studio condotto dalla Cardiologia di Grosseto

Tumori del cuore: i risultati di uno studio condotto dalla Cardiologia di Grosseto

di Roberto Lottini
0 commento 23 views

La Cardiologia dell’ospedale Misericordia di Grosseto è nuovamente balzata agli onori della cronaca della comunità scientifica internazionale, con due ricerche originali presentate nelle settimane scorse a Monaco di Baviera, al Congresso Europeo di Cardiologia, principale evento internazionale in questo campo.

Si tratta di uno studio epidemiologico sull’incidenza dei tumori cardiaci primitivi nella popolazione della provincia di Grosseto, condotto dal dottor Alberto Cresti. Il lavoro è il primo al mondo e quindi l’unico disponibile in letteratura su questa patologia, una delle meno indagate in ambito oncologico, di cui, ad oggi, si conoscevano solo le valutazioni statistiche tratte dalle autopsie effettuate e dai casi chirurgici.

L’altra presentazione riguarda una ricerca prospettica internazionale, effettuata dal Laboratorio di emodinamica dell’ospedale Misericordia, sugli effetti di alcuni farmaci innovativi utilizzati in pazienti colpiti da infarto acuto del miocardio e sottoposti ad angioplastica coronarica. Grosseto è l’ospedale “capofila” della ricerca condotta in ambito europeo.

Nel primo caso, la popolazione presa in esame per 14 anni, dal 1998 al 2011, è quella residente nel territorio della Asl 9, con una media, nell’arco temporale, di circa 218.000 persone.

“In questo lasso di tempo – spiega il dottor Crestisono stati presi in esame tutti i residenti della provincia di Grosseto, avvalendosi della collaborazione dell’Amministrazione provinciale che ha messo a disposizione i propri dati demografici e che ringraziamo per averci consentito di effettuare questa importantissima ricerca. Sono stati raccolti 42 casi di tumore primitivo del cuore, per un’incidenza (il numero delle nuove diagnosi della malattia studiata nel periodo di riferimento, ndr) di 1,38 nuovi casi ogni 100.000 abitanti, ogni anno. Si tratta, fortunatamente, di una patologia molto rara, nella quale solo il 10 % dei tumori riscontrati risultano maligni, ma che comunque pesa sullo stato di salute di una popolazione”.

Lo studio, peraltro, rappresenta uno strumento di conoscenza importante, che si accompagna alla diffusione di tecniche sempre più sofisticate (ecografia, TAC, risonanza magnetica), per una corretta e precoce diagnosi della patologia.

La seconda ricerca si chiama “Eurovision” ed è uno studio internazionale condotto su oltre 2000 pazienti arruolati in 58 centri in Italia, Francia, Germania, Austria e Inghilterra. I risultati sono stati presentati al Congresso europeo di cardiologia dal dottor Ugo Limbruno, responsabile del Laboratorio di emodinamica dell’ospedale Misericordia di Grosseto, centro leader dello studio.

 “Eurovisionspiega il dottor Limbruno dimostra come, con la somministrazione prolungata di un farmaco specifico (la bivalirudina) ed il concomitante utilizzo di una via di accesso al cuore, attraverso l’arteria del polso anziché attraverso quella della gamba, sia possibile abbattere fino al 2 % la mortalità a 30 giorni dopo l’infarto acuto del miocardio, con un conseguente contenimento delle complicanze e della durata della degenza”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy