Home Grosseto Rete civica toscana, i sindaci: “Giani appoggia solo i primi cittadini di centrosinistra”

Rete civica toscana, i sindaci: “Giani appoggia solo i primi cittadini di centrosinistra”

"Istituzionalmente grave quanto dichiarato dal governatore in una recente intervista"

di Redazione
0 commento 38 views

Grosseto.Appare già grave che un presidente di Regione si autoproclami capofila di una rivolta dell’opposizione che forse preferirebbe pure ben altri leader, ma fin qui siamo dentro al perimetro della dialettica politica, poco istituzionale forse, ma tant’è. Ciò che invece travalica, diremmo addirittura tracima, i margini del leale rapporto tra istituzioni facendo, purtroppo ma inesorabilmente, perdere al presidente Giani il ruolo istituzionale e con esso la credibilità, è la successiva considerazione che lo porta a dire che lavorerà negli ultimi mesi del suo mandato ‘in sintonia con la maggioranza dei sindaci’ di centrosinistra, presumendo che sarà questo l’esito dei ballottaggi, per ‘poter dare concretezza a tanti progetti'”.

A dichiararlo, in un comunicato, sono i sindaci della Rete civica toscana, Alessandro Ghinelli, sindaco di Arezzo, Antonfrancesco Vivarelli Colonna, sindaco di Grosseto, Mario Pardini, sindaco di Lucca, Francesco Persiani, sindaco di Massa, Michele Conti, sindaco di Pisa, Alessandro Tomasi, sindaco di Pistoia, Nicoletta Fabio, sindaco di Siena, che commentano una recente intervista del Governatore della Toscana.

“È qui che il ruolo istituzionale viene frantumato non solo perchè questa intervista esce in pieno silenzio elettorale, ma anche perchè è inequivocabile il significato – continua la nota -. Esiste quindi una relazione privilegiata tra il presidente della Regione e i sindaci del Pd? Esistono progetti condivisi per i territori governati dal Pd, a differenza degli altri? Esistono pesi e misure diverse? I sindaci non Pd, e con essi i loro municipi, devono aspettarsi percorsi a ostacoli? Dobbiamo espettarci, come purtroppo alcune volte è già successo, che i nostri progetti saranno sottoposti al vaglio dell’interesse di parte del Pd? Dobbiamo aspettarci una Regione ‘nemica’ solo perchè rappresentiamo l’alternativa al Pd? Il presidente Giani con questa intervista perde il profilo di imparzialità, neutralità e di leale collaborazione istituzionale e quindi ci aspettiamo un rettifica che ristabilisca fiducia e serenità”.

“Se questa rettifica non arriverà sarà chiaro che da domani non avremo più nella Regione un interlocutore istituzionale, ma un avversario politico disposto a guardare prima ai sindaci ‘amici’ e poi a tutti gli altri – termina il comunicato -. Non funziona così e confidiamo che il presidente Giani, a cui va invece la nostra stima istituzionale, ovviamente fino a prova contraria, corregga se stesso e ristabilisca un giusto clima di reciproca fiducia”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy