Home Grosseto Verso le europee, Pellegrini: “Mi impegnerò per ottenere regole giuste per i pescatori”

Verso le europee, Pellegrini: “Mi impegnerò per ottenere regole giuste per i pescatori”

Gigliese doc e imprenditore di successo nell'ambito turistico, da buon isolano Mario Pellegrini ha una grande passione per il mare

di Redazione
0 commento 40 views

Grosseto. «I pescatori come i cacciatori sono criminalizzati e lavorano dovendo sottostare alle regole imposte da Spagna e Norvegia. Il mio impegno in Europa sarà per cambiare la situazione e garantire ai nostri operatori del mare condizioni di lavoro giuste»: a dirlo è Mario Pellegrini, candidato alle elezioni europee nella lista di Fratelli d’Italia.

Gigliese doc e imprenditore di successo nell’ambito turistico, da buon isolano Mario Pellegrini ha una grande passione per il mare e per tutte quelle attività che, grazie alle risorse del mare, creano economie: «I pescatori si spaccano la schiena per mantenere le famiglie – dichiara il candidato -,  un lavoro bellissimo, a contatto con il mare e con l’ambiente, ma che comporta grande fatica e grande impegno. Confrontandomi con questo mondo ho dovuto, purtroppo, apprendere che, al pari dei cacciatori, anche i pescatori, anche coloro che di pesca vivono, vengono criminalizzati e devono sottostare a norme prive di senso». 

«I nostri pescatori – spiega Pellegrinigarantiscono nei nostri mercati pesce di qualità pregiata, ma i mille vincoli a cui sono sottoposti fanno sì che l’80% del pesce che consumiamo sia d’importazione piuttosto che nostrale, mentre in Europa vengono difesi soltanto gli interessi delle grande aziende spagnole e norvegesi mentre l’eccellenza italiana è abbandonata, se non osteggiata. Le politiche in materia di pesca provenienti dalle decisioni dell’Europa hanno messo in grande difficoltà i nostri pescatori: molti pescherecci sono stati dismessi e mettono fermi alle aziende che, in qualche caso, non hanno senso. Questi fermi, qualora legittimi, non devono essere decisi dagli ambientalisti, ma concertati con le categorie interessate».

«Inoltre – aggiunge il candidato –, viene completamente trascurato il contributo che i pescatori danno nella difesa del mare e del suo ecosistema: sono i primi a raccogliere e smaltire i rifiuti che si trovano in acqua, tra cui le plastiche. Bisogna rivedere quella vecchia concezione che vede i pescatori come dei razziatori del mare e si deve riconoscerne il ruolo importante dal punto di vista sia produttivo che ecologico. I vincoli introdotti dall’Europa è micidiale per la nostra economia della pesca». 

«Il mio impegno è modificare questa situazione – conclude Pellegrini –, rappresentare questa categoria che non ha voce e non è rappresentata, dobbiamo aiutare queste persone a partire dai costi di produzione, quali il gasolio che, rispetto alla Norvegia, per i nostri pescatori rappresenta un costo elevatissimo, ritornare all’utilizzo di reti che rispettino la biodiversità del mar Mediterraneo, mentre oggi si utilizzano soltanto quelle adatte a pescare i salmoni, le regole sono imposte dall’alto e invece devono essere discusse con i diretti interessati. Bisogna tornare a regole che ci permettano di consumare il nostro pesce che è sano, molto più sano di quello che arriva da altre parti d’Europa e del mondo».  

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy