Home Grosseto Consiglio provinciale, Gori replica a Termine: “Il Movimento 5 Stelle non è un clone del Pd”

Consiglio provinciale, Gori replica a Termine: “Il Movimento 5 Stelle non è un clone del Pd”

di Redazione
0 commento 45 views

Grosseto. “Recentemente, a Grosseto è nata una scuola di politica ad opera del Polo universitario grossetano e del Rotary Club.  Non vi è dubbio sul fatto che la massima ispirazione a far nascere la scuola, i proponenti l’abbiano trovata nelle gesta del segretario provinciale del Pd, Giacomo Termine, il quale dà il peggio di sé con l’arrivo delle elezioni provinciali; ormai è certo”.

A dichiararlo è Giacomo Gori, capogruppo del Movimento 5 Stelle nel Consiglio comunale di Grosseto.

“In quelle del 2021 ha guidato il partito verso il disconoscimento del patto firmato con il Movimento 5 Stelle, grazie al quale Francesco Limatola è stato eletto presidente della Provincia di Grosseto e la Nappi consigliera – continua la nota. Un accordo che riprendeva l’iniziativa sperimentata a livello comunale, come tentativo di creare una coalizione di forze omogenee anche a livello provinciale, nonché impegnava i candidati Limatola e l’ex consigliera provinciale Elena Nappi a realizzare quattro punti del programma del Movimento 5 Stelle, tra cui lo stop alla vendita della riserva naturale della Diaccia Botrona. Firmarono quel patto sapendo già di non volerlo rispettare. Diciotto mesi di tradimenti, bugie, offese, affronti inaccettabili; comportamenti vergognosi, anche dal punto di vista delle relazioni umane. Termine in prima fila e con lui gran parte dei riferimenti di tutto il centrosinistra, a dar manforte a Limatola mentre si consumava la vendita della Diaccia Botrona e l’isolamento del Movimento 5 Stelle. Un patto-programma gettato alle ortiche: non uno dei quattro punti programmatici è stato realizzato. A nessuno è importato coltivare e sviluppare quell’idea di coalizione, la quale oggi viene maldestramente strumentalizzata addossando al Movimento 5 Stelle le responsabilità della mancata attuazione”.

“Con l’avvicinarsi delle elezioni provinciali appena svolte, un segretario che ha a cuore certi obiettivi, consapevole del vergognoso comportamento tenuto in passato, tenta quantomeno un approccio alcuni mesi prima del voto – sottolinea Gori. Ma Termine non muove un dito. Nessun contatto, nessun accenno ad un’eventuale ripresa del dialogo, fino a quando, a dieci giorni dalle elezioni, scopre che altre forze politiche si sono assunte l’impegno di realizzare quegli stessi quattro punti del programma del Movimento 5 Stelle sui quali, per un anno e mezzo, il suo Pd ci ha preso clamorosamente in giro. Ecco, allora che si tenta di coprire le proprie incapacità politiche con la favoletta di un Gori appena ventenne militante in Alleanza Nazionale, oppure si sparano grosse, affermando che il Gori ha tradito il proprio elettorato. Bugia sopra un’altra bugia. Sono stato eletto consigliere comunale e sto facendo il consigliere di opposizione portando avanti il programma con il quale i cittadini mi hanno responsabilizzato: unico vero impegno assunto con i cittadini. Per di più lo sto facendo insieme ai validi consiglieri comunali dell’altro Pd, quello comunale”.

“Il Movimento 5 Stelle non è un clone del Partito Democratico, sia chiaro a tutti. E non è neppure subalterno ad esso. Il Movimento 5 Stelle ha un approccio alla vita politica con una grande e sostanziale differenza: per noi vengono prima gli interessi dei cittadini ed il rispetto degli impegni stabiliti dal programma elettorale. Per il PD di Termine, invece, vengono prima gli interessi ed i giochetti di partito – continua Gori. Le ideologie sono uno dei grandi mali della politica amministrativa locale, insieme ai diktat calati dall’alto, all’incapacità, al non rispetto degli impegni presi, alle poltrone in primis. Questo è il Pd di Termine e Limatola. Ma non tutto è ancora perduto. C’è sempre il corso di politica all’Università di Grosseto e forse daranno una mano anche i roccastradini alle prossime elezioni comunali. Nell’attesa che una certa nomenclatura con il suo agire subdolo e trasversale, venga scalzata grazie alle iniziative ed al coraggio di chi usa la politica per il bene del paese, senza più autoreferenzialismi”.

“E di persone così ne conosco molte, anche all’interno del Partito Democratico, o nell’altro schieramento. Governare localmente dovrebbe significare farlo anche insieme, attorno alle buone idee, non importa se queste siano convenzionalmente di destra o di sinistra. Vendere la Diaccia Botrona non è né di destra, né di sinistra: è da incoscienti, con i quali non ho nulla da condividere – termina Gori -. D’altronde nella mia, di scuola, un’idea non è né di destra né di sinistra, ma è buona o cattiva”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy