Home Grosseto Classifica qualità della vita, Fratelli d’Italia: “Simiani fazioso, la colpa è della Provincia”

Classifica qualità della vita, Fratelli d’Italia: “Simiani fazioso, la colpa è della Provincia”

di Redazione
0 commento 78 views

Grosseto. “Caro Simiani, come vorresti far passare con il tuo personalissimo e, per certi versi, anche esclusivo pensiero da politically correct tipico della sinistra, la provincia di Grosseto, e non la città di Grosseto, in base allo studio pubblicato dal Sole 24ore, è scesa di posizione nella classifica italiana riguardante la sicurezza, questo non è certo colpa del sindaco del Comune di Grosseto, come vorresti far credere”.

A dichiararlo, in una nota, sono il deputato e coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, Fabrizio Rossi, e il vicesindaco di Grosseto e componente della direzione provinciale di Fratelli d’Italia, Bruno Ceccherini.

“Se proprio vogliamo dirla tutta – proseguono Rossi e Ceccherini, tra i primi imputati sicuramente c’è il presidente della Provincia di Grosseto Francesco Limatola. Non ci sembra che sia un uomo della destra. Ma non vogliamo fermarci qui. Simiani non ricorda, o forse ha solamente memoria corta, che le maggiori azioni criminose avvenute nell’ultimo anno nella nostra provincia sono proprio accadute in comuni amministrati dalla sinistra. In primis Follonica e Castiglione della Pescaia. Quindi, azioni non certamente imputabili al sindaco di Grosseto, come vorrebbe far credere il deputato Dem, ma imputabili (se del caso) ai Comuni amministrati dalla sinistra e dai suoi compagni di partito”.

“Rimane facile come sempre addossare la colpa di qualcosa che non va agli altri – commentato gli esponenti di Fratelli d’Italia –. E’ la soluzione più semplice, ma le cose non stanno così. Basterebbe ricordare a Simiani alcuni episodi accaduti nel 2023, tra l’altro in Comuni amministrati dalla sinistra. Tanto per non andare in là con il tempo, nel mese di luglio di quest’anno, a Castiglione della Pescaia, un ragazzo è stato prima accerchiato e poi aggredito e scippato della catenina da parte di altri coetanei. Andando avanti, sempre per rimanere nella cittadina castiglionese, forse Simiani si è dimenticato della rapina effettuata in piena estate ai danni della gioielleria Mirolli, con un bottino di circa 300mila euro. Passiamo poi a Follonica, altro comune amministrato dalla sinistra: anche qui Simiani dimostra di avere memoria corta. Nel maggio di quest’anno il Questore di Grosseto ha emesso un provvedimento di Dacur (divieto di accesso alle aree urbane) nei confronti un uomo che si era reso responsabile di una rapina in quella città. E così potremmo andare avanti ancora per molto nell’elencare gli episodi che purtroppo hanno portato la provincia di Grosseto, e non la sola città di Grosseto, questo è bene ricordarlo, a scendere nella famosa classifica stilata dal Sole 24Ore”.

“Troppo facile addossare le colpe al Comune di Grosseto e al suo sindaco – tuonano Rossi e Ceccherini -, quando invece le cause sono da ricercare sicuramente altrove. Il problema sicurezza esiste, grazie anche alle scellerate politiche immigrazioniste degli ultimi dieci anni dalla sinistra. Il Comune di Grosseto, con il suo sindaco, da anni sta lavorando con tutti i mezzi a disposizione, di concerto con le Forze dell’Ordine, nel contrasto alla criminalità in ogni luogo della città e delle frazioni. Telecamere, interventi della Municipale, sgomberi di occupazioni abusive, lotta agli spacciatori e sono stati eliminati tutti i parcheggiatori abusivi. Quindi, addossare la colpa al Comune di Grosseto, quando invece è tutta la provincia di Grosseto ad essere scesa nella classifica stilata dal quotidiano milanese che cita Simiani, ci sembra quanto modo esagerato, ingeneroso, ma soprattutto fazioso”.

“Caro Simiani, ti diamo un consiglio davvero spassionato che è questo: invece di fare la classifica di chi più sbaglia e di chi è più bravo o meno bravo sotto il profilo della sicurezza, pensa di più a lavorare e soprattutto a proporre soluzioni da condividere per contrastare la criminalità nella nostra provincia. Tutti uniti contro la lotta alla criminalità si vince. Altrimenti, rimane il solito teatrino politico fine a se stesso, che non porta a nulla e del quale ti sei reso in modo maldestro protagonista, cercando sponda su quanto apparso sul Sole 24ore in questi ultimi giorni”, concludono Fabrizio Rossi e Bruno Ceccherini.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy