Home GrossetoPolitica Grosseto Ineleggibilità Pesucci, rinviata la decisione: “Il mio impegno da sindaco continuerà alacremente”

Ineleggibilità Pesucci, rinviata la decisione: “Il mio impegno da sindaco continuerà alacremente”

di Redazione
0 commento 29 views

“L’udienza di ieri, tenutasi dinanzi al Tribunale di Grosseto, in relazione all’azione popolare promossa da tre cittadini, uno dei quali neppure avente legittimazione ad agire, mancando la sua qualità di elettore del Comune di Campagnatico, si è conclusa con il rinvio al 20 ottobre prossimo per la discussione finale sull’ineleggibilità del sindaco Elismo Pesucci“.

A dichiararlo, in una nota, è il Comune di Campagnatico.

“Dopo l’illustrazione della causa al collegio, svolta dal giudice relatore dottor Amedeo Russo, le parti sono state invitate a completare l’esposizione delle rispettive posizioni – continua la nota -. La difesa del sindaco Pesucci ha spiegato compiutamente tutte le ragioni per le quali l’azione popolare è totalmente infondata: nessuna incandidabilità, né ineleggibilità del sindaco Pesucci. Tantomeno esistono motivi per contestare al Pesucci l’incompatibilità, avendo prodotto in giudizio le prove della rimozione di qualunque causa anche solo potenzialmente ostativa alla sua elezione. Il sindaco Pesucci, infatti, ha chiesto per tempo l’aspettativa (non retribuita) dal lavoro presso il Comune di Campagnatico ed ha rinunciato all’azione con la quale richiedeva all’Ente il rimborso delle spese legali (quasi 150.000 euro) sostenute per la difesa in vari processi penali conclusi tutti con la sua piena assoluzione”.

“E’ stata anche chiarita la questione riguardante la mera concessione (e non appalto) del campo sportivo alla Asd Nuova Arcille, della quale il figlio di Pesucci non è più presidente da quando ha rassegnato le dimissioni, nel pieno rispetto delle forme e dei termini previsti dal Testo unico degli enti locali per non far incorrere in incompatibilità suo padre, neo eletto sindaco – prosegue il comunicato -. Poi è stato il turno della difesa ‘Grisanti & Co.’, promotrice dell’azione popolare, che nel frattempo, nelle more tra il deposito della citazione e l’udienza, due giorni dopo il discorso di insediamento del sindaco Pesucci in Consiglio comunale (nel quale il primo cittadino aveva già preso puntualmente posizione in merito a tutti i suoi strepiti), si è procurata l’assistenza di un avvocato. L’avvocato dei tre cittadini ha riepilogato i motivi già illustrati nel libello introduttivo e, una volta fatto riferimento ad alcuni documenti depositati nella cancelleria telematica, i giudici e la controparte hanno fatto rilevare di non averne preso visione. La cancelleria, contattata per le vie brevi seduta stante, ha confermato l’avvenuto deposito della busta telematica, ma anche di non averne ancora ‘aperto’ il contenuto, motivo per il quale né la difesa di Pesucci, né i giudici avevano avuto modo di visionarlo. L’udienza è stata pertanto rinviata per dar modo di analizzare tali documenti, nel pieno rispetto delle garanzie del contraddittorio”.

“Ad entrambe le parti è stato anche concesso termine fino al 30 settembre per presentare memorie finali sulle quali potranno ulteriormente interloquire all’udienza di discussione fissata per il 20 ottobre. Ancora una volta si apprende dai giornali il tentativo di chi non ha vinto le elezioni di rappresentare in maniera distorta i fatti, illudendosi di influenzare l’opinione pubblica propinandole notizie tendenziose – continua la nota -. Il sindaco Pesucci, invece, ritiene corretto informare i propri cittadini, e tutti coloro che sono comunque interessati alla vicenda, nel modo più oggettivo e asettico possibile. Un’unica considerazione, tuttavia, è doverosa per Pesucci: il procedimento che inizia con l’azione popolare è caratterizzato da tempi molto stretti. Esso è regolato dal rito sommario di cognizione, in particolare dall’articolo 22 del decreto legislativo 150/2011 che prevede che tutti i termini del procedimento siano ridotti alla metà e che la controversia venga ‘trattata in ogni grado di giudizio in via d’urgenza’. Ebbene, a prudente avviso del sindaco Pesucci, il rinvio della decisione a due mesi rappresenta un chiaro segnale dell’infondatezza dell’azione e della mancanza di un effettivo e reale bisogno di provvedere”.

Nel frattempo, assicura Pesucci: “L’attività amministrativa ed il mio impegno da Sindaco continueranno alacremente e senza alcuna incertezza, né rallentamento, nella convinzione di aver agito e di agire nel pieno rispetto di tutte le regole, comprese quelle di fair-play.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy