Home GrossetoPolitica Grosseto Ambiente, Galletti presenta il piano ‘Rifiuti zero’: “Maxi investimento da 1 miliardo”

Ambiente, Galletti presenta il piano ‘Rifiuti zero’: “Maxi investimento da 1 miliardo”

di Redazione
0 commento 3 views

Questo piano di gestione dei rifiuti è post ideologico, esattamente come il Movimento 5 Stelle. Un progetto concreto che ha come obiettivo principale la costruzione di una Toscana a zero produzione di rifiuti urbani entro il 2035. Per arrivare a questo risultato siamo pronti a mettere in campo un maxi investimento complessivo da 1 miliardo di euro, che coinvolge la scuola con un potenziamento dell’educazione ambientale e che disincentivi l’utilizzo di materiali non riciclabili e la produzione di rifiuti non differenziati, promuova buone pratiche innovative come lo shop to shop, e soprattutto che semplifichi la vita ai cittadini, uniformando la raccolta e abbattendo il costo della Tari. Con questo piano dimostriamo che si può superare il conflitto storico tra ambiente e lavoro e che con le buone pratiche si può fare impresa“.

Così Irene Galletti, candidata alla presidenza della Regione Toscana per il Movimento 5 stelle, riassume filosofia e obiettivi alla base del piano di gestione dei rifiuti contenuto nel suo programma di governo.

Questo è un piano industriale a tutti gli effetti – aggiunge la candidata del Movimento 5 Stelle, riassumibile in 20 punti principali, ma la cui spina dorsale è costituita dalla realizzazione o riconversione di 40 impianti per il trattamento dei rifiuti urbani e 10 per i rifiuti industriali. Inutile precisare che tra questi non c’è alcun nuovo inceneritore, che Giani vorrebbe imporre con i carri armati, e nemmeno il gassificatore Eni di Livorno, che sono pronta a mandare in soffitta, revocando il protocollo d’intesa siglato da Enrico Rossi”.

Il piano, in sintesi, ha come punto d’approdo la creazione di un sistema di raccolta porta a porta semplificato e unificato, con il quale uniformare tutti i Comuni della Regione: due soli contenitori per la differenziata per ciascuna abitazione, uno per l’organico e uno per il multimateriale. I rifiuti indifferenziati ed altre tipologie di rifiuto verranno conferiti in isole ecologiche di quartiere anche mobili presidiate aperte H24 e in cassonetti stradali digitalizzati e sorvegliati, necessari per l’applicazione della tariffa puntuale.

La teoria di base – spiega Galletti è che chi più inquina e produce rifiuti, più paga e questo varrà sia per le famiglie che per le imprese per le quali abbiamo previsto l’introduzione di una waste tax e una plastic tax. Al contempo prevediamo incentivi per la riconversione degli impianti alla produzione di imballaggi ecosostenibili e per la grande e piccola distribuzione che introdurranno il rifiuto a rendere“.

Ad effettuare il servizio di raccolta saranno 10 Apo, Ambiti provinciali ottimali, ovvero società a totale gestione e controllo pubblico per poter lavorare con economie di scala e massimizzare l’efficienza degli impianti e della logistica.

Manderemo in soffitta gli attuali Ato – aggiunge Galletti –, introducendo gestori interamente pubblici e indipendenti, 3 Ago, Ambiti gestionali ottimali“.

Impianti previsti:

  • 20 centri di recupero e riuso – 2 per provincia;
  • 5 centri di trattamento dei Raee – 1 ogni 2 province;
  • 5 centri di selezione del selezionato per il trattamento di materiali differenziati (vetro, plastiche, metalli, ecc.) – 1 ogni 2 province;
  • 10 tmb (impianti per il trattamento biologico meccanizzato) che arriveranno, progressivamente a restituire uno scarto non recuperabile del 3% entro 10 anni;
  • manterremo solo 3 inceneritori attivi, con avvio dello spegnimento definitivo entro 2024;
  • 10 discariche da avviare al “post mortem” entro il 2035. Tutte le altre verranno chiuse entro il 2024.

Questo lavoro – conclude la candidatarappresenta il punto di partenza per la costruzione di una Toscana davvero virtuosa nella gestione del ciclo dei rifiuti e nella promozione di una reale economia circolare. Un po’ di concretezza in mezzo a una campagna elettorale fatta solo di slogan“.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy