Home GrossetoPolitica Grosseto Scuola, Fare Grosseto: “Didattica a distanza da migliorare, studenti disabili penalizzati”

Scuola, Fare Grosseto: “Didattica a distanza da migliorare, studenti disabili penalizzati”

di Redazione
0 commento 10 views

Momento difficile per la scuola e per tanti studenti che si sono trovati alle prese, improvvisamente, con la didattica a distanza.

Ora che l’anno scolastico si è concluso, è anche il momento di tracciare un bilancio. Secondo Fare Grosseto «l’utilizzo della tecnologia ha tamponato parzialmente l’emergenza e occorre fare un distinguo tra gli studenti. I diversamente abili, ad esempio, sono stati quelli che hanno vissuto momenti più difficili nel periodo del lookdown per il covid-19. E’ stato sperimentato che la scuola con la didattica a distanza è poco congeniale per loro».

Un problema in più che non è sempre stato preso in considerazione, in tal senso da Fare Grosseto aggiungono: «Giusto è stato l’intervento della deputata della Lega Giorgia Latini, vicepresidente della Commissione cultura alla Camera, che ha chiesto al Governo quali siano le soluzioni pensate per tutelare gli alunni con disabilità alla ripresa delle scuole. Alzare la voce e porre l’attenzione della politica sulla questione è stato importante».

Da Fare Grosseto però, precisano che la problematica dei diversamente abili con l’emergenza sanitaria si è solo acuita: «In realtà problemi c’erano anche prima del Covid-19, come la mancata copertura, nei casi più gravi, di tutte le ore a scuola con il docente di sostegno e il quasi abbandono dello studente al termine della scuola dell’obbligo».

Per questo occorrerebbe alzare il tiro: «Lo studente con diversa abilità è alunno di tutti gli insegnanti della classe. Tutti i docenti del consiglio di classe dovrebbero essere formati. Nel percorso accademico di formazione iniziale dei docenti si dovrebbero prevedere corsi con queste specificità. Diversamente possiamo parlare di tentativi di inclusione, ma non certo di inclusione reale», puntualizzano da Fare Grosseto.

In ogni caso la nostra città può considerarsi per certi aspetti isola felice rispetto ad altre realtà, grazie ad esempio all’impegno delle associazioni di volontariato. «Il Covid-19 ha insegnato che in futuro per tutto occorrerà competenza e conoscenza e che incarichi e ruoli dovranno essere assegnati solo a chi ha le capacità – concludono da Fare Grosseto –: le amministrazioni dovranno fare scelte proiettate in questa direzione, soprattutto nel sociale e nella scuola».

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy