Home Follonica Miasmi al Cassarello, Forza Italia: “Il sindaco non prenda in giro i cittadini”

Miasmi al Cassarello, Forza Italia: “Il sindaco non prenda in giro i cittadini”

di Redazione
0 commento 8 views

Venerdì 8 marzo il sindaco Andrea Benini ha organizzato, per la sua campagna elettorale, un appuntamento a Cassarello“.

A dichiararlo è Sandro Marrini, capogruppo di Forza Italia nel Consiglio comunale di Follonica.

“Due giorni fa ha annunciato che l’amministrazione comunale ha organizzato un’indagine accurata per capire la provenienza dei miasmi che, da anni oramai, caratterizzano quel quartiere – spiega Marrini -. Qualcosa non torna: dieci giorni fa, per l’ennesima volta, avevamo segnalato il disagio percepito dai residenti di Cassarello e, prontamente, l’amministrazione di centrosinistra aveva risposto che la situazione era sotto controllo, che dopo una verifica non erano emersi dati irregolari. Passano alcuni giorni, si avvicina l’appuntamento elettorale di Benini, e guarda caso ecco che il Comune di Follonica dà notizia sui media dell’avvio di uno studio accurato che prevede l’installazione di recettori per capire l’origine di quei miasmi“.

“Delle due l’una: o i cittadini fino a oggi hanno raccontato frottole quando protestavano per gli odori insopportabili che si percepivano nella zona est di Follonica, oppure il centrosinistra si muove solo ed esclusivamente a fini elettorali. È una vergogna. In questi ultimi cinque anni quando Forza Italia puntualmente dava voce ai follonichesi che non potevano neppure aprire le finestre di casa per i miasmi provenienti dall’area tra Follonica e Scarlino, perché il sindaco e i suoi non hanno risolto il problema? Perché solo oggi, per fare bella figura di fronte ai residenti di un quartiere, si programma un’indagine approfondita? Caro Benini, l’epoca in cui nei tre mesi prima del voto il centrosinistra tappava i buchi della sua incapacità è finita – termina Marrini -. I follonichesi non si lasciano prendere in giro: sanno bene chi in questi anni ha portato avanti le loro battaglie e chi invece è rimasto chiuso nelle sue stanze”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy