Home GrossetoPolitica Grosseto Autostrada tirrenica: audizione in Regione per il coordinamento a favore dell’adeguamento dell’Aurelia

Autostrada tirrenica: audizione in Regione per il coordinamento a favore dell’adeguamento dell’Aurelia

di Redazione
0 commento 0 views

Ancora a Firenze per dire no all’autostrada e ribadire il sì all’adeguamento dell’Aurelia per sostenere un progetto di mobilità integrata nel corridoio tirrenico.

Dopo il sit-in effettuato lo scorso 26 febbraio scorso in Regione, una rappresentanza del coordinamento “No all’autostrada, si all’Aurelia pubblica e sicura”, composto da alcune forze politiche e movimenti ambientalisti della provincia di Grosseto, sarà ricevuta dalla 7^ Commissione “Mobilità e infrastrutture” del Consiglio regionale.

L’incontro, richiesto nei giorni scorsi dal coordinamento, è in programma mercoledì 5 marzo alle 10.

Nell’occasione saranno rappresentate agli esponenti dei partiti presenti in Regione le forti motivazioni della battaglia che stiamo conducendo da tempo in sintonia con i veri interessi del territorio e della popolazione maremmana e chiederemo che sulla scelta effettuata dalla Giunta regionale in favore dell’autostrada vi sia un ripensamento definitivo – si legge in un comunicato del coordinamento -. Perché ciò che occorre è: la messa in sicurezza dell’Aurelia, rinunciando al proposito di privatizzarla, la piena valorizzazione del vettore ferroviario, oggi sempre più penalizzato, l’uso della navigazione di cabotaggio specie per il trasporto merci. Il tutto coerentemente con l’esigenza posta dalla nuova fase dello sviluppo di ridurre i costi a carico della collettività in termini economici, energetici e ambientali, sulla quale si sta spendendo la stessa Comunità europea con atti chiari e impegnativi al riguardo e tuttavia al momento ignorati nel nostro Paese”.

Vista la sollecitudine con cui la nostra richiesta di audizione è stata accolta, dimostrando la sensibilità al tema da parte dei consiglieri regionali – conclude il comunicato, che per questo sinceramente ringraziamo, ci sentiamo autorizzati a sperare in un confronto aperto e costruttivo che possa contribuire all’indispensabile avvio di una nuova politica della mobilità”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy