Home GrossetoPolitica Grosseto Sani bacchetta Renzi sul ricorso al Garante: “Invoca la privacy a senso unico”

Sani bacchetta Renzi sul ricorso al Garante: “Invoca la privacy a senso unico”

di Roberto Lottini
0 commento 3 views

L’onorevole Luca Sani, coordinatore della segreteria regionale del Pd, commenta la decisione di Matteo Renzi di ricorrere al garante della privacy contro le regole delle primarie del Centrosinistra:

“La presentazione del ricorso al garante della privacy da parte di Renzi contro le regole per le primarie del Centrosinistra è una brutta notizia.

Le primarie servono in primo luogo a recuperare un rapporto forte tra politica e società su un progetto di governo per il Paese, ed è con questo spirito che migliaia di militanti si stanno attivando perché il loro esito sia una festa per il PD e per tutto il Centrosinistra”.

“Ridurle a un campo di battaglia – continua Sani -, senza esclusione di colpi tra i contendenti, non ha senso ed è pericoloso. Servirebbe viceversa lo spirito unitario che ha caratterizzato l’assemblea nazionale del PD del 6 ottobre, quando, su richiesta di Pier Luigi Bersani, unanimemente è unitariamente si è deciso di modificare lo statuto del PD per consentire anche a Matteo Renzi di partecipare.

Fra l’altro, la polemica sull’albo degli elettori è pretestuosa perché già nelle primarie del 2005 per Romano Prodi era previsto. Inoltre, a leggere bene le regole, di pubblico in queste primarie c’è solo il manifesto-appello che gli elettori sottoscriveranno in favore del centrosinistra”.

“Viene perciò da pensare che il ricorso sia stato presentato al solo scopo di buttarla in caciara – conclude l’onorevole -, per evitare il confronto sui temi veri che sono oggetto della Carta di Intanti e che riguardano la vita reale degli italiani e del Paese.

È spiacevole constatare come Matteo Renzi continui ad avere un rapporto tutto dall’esterno con il nostro partito. Adesso non si limita più a non partecipare ai momenti di confronto collettivi ma addirittura promuove azioni legali che possono solo alzare la tensione e dividere. Quanto alla privacy, penso di essere tra le centinaia di migliaia di persone che ricevono la newsletter di Renzi senza essersi mai iscritto. Evidentemente la privacy per Il centrosinistra si applica e per Matteo s’interpreta. Ma un  po’ di coerenza no? Se continua di questo passo, dovremo chiedere l’istituzione del “Garante dei contenuti politici”, che Renzi proprio non riesce ad esprime”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy