Home In evidenza Siena capoluogo nuova provincia accorpata, il Sindaco Bonifazi replica a Rossi

Siena capoluogo nuova provincia accorpata, il Sindaco Bonifazi replica a Rossi

di Roberto Lottini
0 commento 2 views

Il Sindaco di Grosseto, Emilio Bonifazi, interviene in merito alle dichiarazioni del Presidente della Regione Enrico Rossi  che, nel corso di un’intervista televisiva, aveva affermato che Siena è la maggiore candidata ad essere il capoluogo della nuova provincia accorpata che comprenderà anche Grosseto ed Arezzo.

“Trovo oggettivamente un po’ stucchevole questa polemica su dove andrà la sede della provincia meridionale toscana e mi sorprende come un tema che meriterebbe un’attenzione e una sensibilità diverse, autorevoli rappresentanti istituzionali abbiano scelto di affrontarla invece con una certa leggerezza. La scelta se sarà Siena, Grosseto o Arezzo ad essere il capoluogo del nuovo territorio accorpato, non verrà certo da dichiarazioni estemporanee o da confronti campanilistici tra opposte fazioni. Verrà da un confronto serio tra Regione e territori locali, nei quali ognuno porterà le proprie ragioni. Grosseto, città che mi onoro di rappresentare, porterà i suoi suggerimenti e le sue proposte che guarderanno più alle questioni pratiche: eventuali chiusure di enti e altri uffici territoriali dello Stato non dovranno infatti provocare una diminuzione nella qualità dei servizi al cittadino; elementi di omogeneità particolarmente importanti per aree tanto vaste e con servizi di rete complessi come nel caso dell’attuale territorio provinciale di Grosseto, forse tra le realtà più colpite da questo processo. E, in questo senso, siamo davvero certi che Grosseto non possa far parte della provincia del litorale toscano? Ecco: è soprattutto questo a interessarmi in questo momento. Non ne ho mai fatto questione di campanile nei mesi scorsi, non comincerò certo adesso. La cosiddetta riforma non mi è piaciuta fin dall’inizio, quando un po’ troppe persone si erano con facilità agganciate al treno dell’abolizione delle province, salvo poi accorgersi che i risparmi saranno tutti da dimostrare e che i servizi ai cittadini e il personale, dovunque andranno, continueranno a costare come prima. Mi pare più questo il problema. Chiariti questi elementi in un confronto aperto a tutti, potremo anche discutere dove sia meglio stabilire il capoluogo della Provincia”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy