Home Economia Sicurezza in edilizia, Cna: “Subito una legge per l’accesso alla professione”

Sicurezza in edilizia, Cna: “Subito una legge per l’accesso alla professione”

L'associazione grossetana degli artigiani e della piccola e media impresa interviene in tema di controlli dopo la tragedia di Firenze

di Redazione
0 commento 37 views

Grosseto. Dopo la tragedia di Firenze “…non è più rinviabile una legge per l’accesso alla professione nell’edilizia”.

È quanto sottolineano la presidenza di Cna Grosseto e Francesco Vichi, presidente degli edili.

“La sicurezza richiede la massima attenzione su ogni aspetto – proseguono –, quindi occorrono rispetto e applicazione rigorosa dei contratti di lavoro, contrasto alla pratica del massimo ribasso e al subappalto infinito, formazione effettiva ed efficace per tutti i soggetti che operano nel cantiere. E poi, come chiediamo da molti anni, una norma per la qualificazione delle imprese. Non è pensabile avviare un’azienda edile con la semplice iscrizione in Camera di commercio. Un impiantista delle caldaie deve possedere un titolo professionale ed è obbligato a corsi di aggiornamento almeno triennali. Un acconciatore, oppure un’estetista devono frequentare un corso di formazione di almeno mille ore”.

Riccardo Breda, presidente di Cna Grosseto, commenta anche alcune proposte in circolazione per rafforzare la sicurezza, a partire da quella sulla parificazione tra appalti pubblici e privati: “Le regole del cantiere sulla sicurezza sono universali, non c’è distinzione tra committente pubblico e privato. Sull’efficacia della patente a punti continuiamo a nutrire forti dubbi, da sempre espressi da Cna nei tavoli istituzionali, sul fatto che sia uno strumento effettivamente in grado di favorire le imprese più virtuose e che, al contrario, non determini il rischio di penalizzarle per eventi di cui non sono responsabili. Anche la Soa non è soluzione, perché è una sorta di certificazione cartacea da parte di enti terzi dei lavori realizzati da un’azienda. Per la qualificazione delle imprese il primo e fondamentale passo è una legge sull’accesso alla professione”.

Vichi, dal canto suo, ribadisce anche la contrarietà della confederazione al subappalto a cascata. “Abbiamo sempre sostenuto che chi si aggiudica un appalto debba possedere al proprio interno le adeguate competenze per realizzare i lavori. Siamo sempre stati contrari all’introduzione del subappalto a cascata”.

“Un problema di cui si parla poco – aggiunge Anna Rita Bramerini, direttore di Cna Grosseto – riguarda quelle imprese che si aggiudicano gli appalti, ma non dispongono dei mezzi o personale per compiere i lavori. Tali realtà, che si potrebbero definire delle ‘scatole vuote’, non sono di fatto delle aziende edili, ma dei professionisti in cerca di affari. Un sistema del genere non solo non garantisce la qualità dei lavori, ma favorisce il fenomeno del subappalto che può rendere difficile la ricostruzione della filiera e l’individuazione di eventuali responsabilità. Senza contare che spesso, in questi casi, chi si aggiudica i lavori ricorre al noleggio di mezzi e attrezzature, nonché all’intermediazione di manodopera”.

Infine, la questione dei controlli. “È evidente – concludono dalla Cnache c’è un tema di quantità di ispettori, ma è necessario che i controlli siano mirati, efficaci e concentrati su aspetti sostanziali. La nostra confederazione è stata favorevole alla nascita dell’Ispettorato nazionale del lavoro nel 2015, proprio per assicurare omogeneità ed efficacia dei controlli. Prima di pensare a nuovi assetti sarebbe opportuno valutare e misurare gli elementi positivi di quella riforma e gli aspetti che non hanno funzionato. Solo così possiamo rafforzare la sicurezza nei posti di lavoro. Anche su questi temi il potenziamento del ruolo della bilateralità può rappresentare un valido supporto di collaborazione con gli organi di controllo. Continuiamo a credere che i controlli ‘de visu’ e le ispezioni sul campo offrano garanzie superiori alle verifiche di carta, di nome e di fatto”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy