Home Economia Balneari, Confcommercio: “Gli stabilimenti sono dei presidi per la sicurezza dei bagnanti”

Balneari, Confcommercio: “Gli stabilimenti sono dei presidi per la sicurezza dei bagnanti”

Avvento: "La direttiva europea Bolkestein è diventata una scusa per scatenare una sorta di lotta di classe"

di Redazione
1 commento 60 views

Grosseto. “Gli stabilimenti balneari sono dei presidi per la sicurezza di tutti i bagnanti, non sono soltanto un servizio che si rende ai turisti. Nelle spiagge libere, laddove non c’è la presenza dei professionisti del salvataggio, i rischi sono molto superiori”. Così Daniele Avvento, presidente del Sid – Sindacato balneari Confcommercio Grosseto, rinforza la presa di posizione del sindacato regionale sul tema.

Confcommercio snocciola alcuni dati a supporto: “Il dato relativo alle morti per annegamento nei tratti di costa presidiati dalle concessioni e in quelli liberi  – illustrano dall’associazione  è ben chiaro: si tratta di un rapporto 1 a 100. Non solo, le Capitanerie di Porto della Toscana, proprio per tutelare la sicurezza, chiedono una postazione bagnino ogni 80 metri e fanno controlli periodici per verificarne l’adeguatezza. A maggior ragione, siamo tutti stupiti di fronte a certi comitati e certe richieste, come quella di Rifondazione Comunista sull’Isola d’Elba, finalizzate a cancellare le licenze dei balneari”.

Secondo il Sib grossetano e regionale, la direttiva europea Bolkestein sembra che sia diventata una scusa per scatenare una sorta di lotta di classe. Daniele Avvento riprende poi le parole della presidente regionale Sib, Stefania Frandi: “Come ben detto dalla nostra presidente, chi bolla gli imprenditori del settore come meri speculatori di un bene comune, e cioè le spiagge, fa demagogia e dimentica che le nostre imprese offrono servizi importanti per la comunità, producono occupazione e fanno parte di quel sistema di accoglienza che è il valore aggiunto del turismo italiano”.

In merito alla questione Bolkestein, è arrivato ora l’importante assist della Regione Toscana, che ha effettuato la mappatura delle coste. “I risultati confermano che meno di un terzo delle coste toscane, 86 chilometri sui 269 totali, è dato in concessione – continua Avvento, non c’è affatto scarsità di risorse naturali e questo potrebbe aiutarci ad evitare che i titoli concessori esistenti siano rimessi a bando, come invece vorrebbe la direttiva europea”.

“Confidiamo che si possa mettere un punto definitivo alla vicenda: noi vogliamo continuare a far bene il nostro mestiere e ad investire sul futuro – proseguono dal Sib Confcommercio  -, che siamo aziende competenti e affidabili ce lo dimostrano anche i nostri partner finanziari. Per esempio, abbiamo stretto un accordo con Castagneto Banca 1910, che concede una garanzia fino a 20mila euro con una commissione annua pari a zero (1% per importi superiori ai 20mila) alle imprese balneari che, su richiesta dei Comuni, necessitano di una fidejussione bancaria per il rilascio della concessione demaniale”.

L’accordo è valido in esclusiva per gli stabilimenti balneari associati a Sib Confcommercio delle province di Grosseto, Livorno, Lucca, Massa Carrara e Pisa ed è naturalmente subordinato alla valutazione del merito creditizio dei soggetti interessati.

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

"Gli stabilimenti sono dei presidi" - hotdays 14 Luglio 2023 | 19:22 - 19:22

[…] Source […]

Rispondi

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy