Home GrossetoEconomia Grosseto Crisi dell’edilizia, Confindustria: “Valorizzare eccellenze toscane, opportunità da appalti pubblici”

Crisi dell’edilizia, Confindustria: “Valorizzare eccellenze toscane, opportunità da appalti pubblici”

di Redazione
0 commento 6 views

L’eccellenza è la nostra risposta alla crisi del comparto delle costruzioni – afferma il presidente della sezione ‘Manufatti e materiali da costruzione’ di Confindustria Toscana Sud, Riccardo Cecconiperché va a beneficio di tutti e agevola la qualificazione delle aziende del territorio. Ci siamo posti obiettivi ambiziosi in termini di qualità dei prodotti e dei materiali, di innovazione, rispetto per l’ambiente, riqualificazione del territorio e qualità del costruito”.

“Non dimentichiamo che nella Toscana del Sud sono presenti aziende leader a livello nazionale nella produzione di manufatti, prefabbricati e prodotti per l’edilizia – prosegue il presidente Cecconi, che nel periodo della crisi hanno continuato ad investire ed a credere nelle loro imprese. E’ importante che i nostri amministratori pubblici ne siano consapevoli e rispondano, da parte loro, alle necessità di queste aziende in termini di adeguamento infrastrutturale e di certezza del diritto, tempi di risposta e chiarezza nelle procedure amministrative. Sono  principi che valgono per tutti gli imprenditori, ma per il nostro settore sono ancor più cruciali. Abbiamo molto lavoro da fare anche a livello associativo: le imprese, lavorando insieme, possono reciprocamente aiutarsi a crescere ed a competere su un mercato sempre più attenti al rapporto qualità-prezzo. Voglio ringraziare personalmente tutti gli imprenditori attivi nella nostra sezione, perché hanno compreso l’importanza dell’associazionismo e, in un momento di crisi che dura oramai da dieci anni nel nostro settore, riescono a ritagliarsi dei momenti per discutere insieme delle problematiche concrete che affrontiamo nel nostro lavoro”.

Uno dei primi temi che intendiamo affrontare all’interno della nostra sezione, è quello relativo ai materiali da cava. In modo particolare – prosegue Cecconi -, puntiamo a sensibilizzare i Comuni toscani sui nuovi criteri ambientali minimi per l’affidamento dei servizi di progettazione e lavori per la costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici”.

Il Decreto Ministeriale 11/01/2017 del Ministero dell’ambiente, infatti, rivisita la materia ed aggiorna alcuni criteri premianti di aggiudicazione per le gare pubbliche. Tra questi, l’utilizzo di almeno il 20% in peso sul totale dell’edificio (precedentemente il 10%) di materiali da costruzione derivati da materie prime rinnovabili e, soprattutto, la riduzione della distanza massima di approvvigionamento del materiale da 350 a 150 chilometri dal cantiere di utilizzo per almeno il 60% del peso dei materiali utilizzati (precedentemente il 25%).

“Risulta chiaro che ulteriori criteri premianti possono essere introdotti per l’utilizzo di materiali locali – afferma l’ingegner Giovanni Cardinali, sempre che il progettista incaricato dall’impresa di impostare l’offerta tecnica sia in grado di dimostrare che i materiali offerti soddisfano il criterio ambientale di riduzione del trasporto incluso nella filiera produttiva”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare. Puoi consultare la nostra Cookie Policy a questo indirizzo.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy