Home GrossetoEconomia Grosseto Ance Grosseto: “Sostenere il settore edile per uscire dalla crisi”

Ance Grosseto: “Sostenere il settore edile per uscire dalla crisi”

di Roberto Lottini
0 commento 4 views

Abbiamo ricevuto e publichiamo integralmente un comunicato di Mauro Carri, direttore di Ance Grosseto:

“Il periodo che stiamo attraversando sta penalizzando il tessuto sociale ed economico del Paese con ricadute negative anche per il nostro territorio.

La crisi sta creando non solo problemi di disoccupazione, ma anche la destrutturazione di una parte significativa del tessuto imprenditoriale.

Tutto questo accade in parte senza un’ adeguata consapevolezza ed in parte con profonda disattenzione della classe politica e della Pubblica Amministrazione.

Sono stati introdotti provvedimenti che hanno l’effetto di accrescere le difficoltà operative, economiche e finanziarie delle imprese.

Bisogna invertire la rotta affrontando l’emergenza con armi adeguate, perché cittadini e imprese hanno assoluto e urgente bisogno di essere sostenuti, e non ulteriormente disagiati.

Il sostegno che l’Ance richiede consiste in misure che sappiano cambiare le tendenze in atto, e creare le condizioni perché il settore delle costruzioni torni ad essere volano di sviluppo, di competitività e qualità della vita.

Per superare l’emergenza occupazione bisogna tornare a investire per produrre lavoro, non penalizzando le spese pubbliche in conto capitale.

Per l’Ance è necessario ridurre il costo del lavoro, che nell’edilizia è ben più elevato rispetto agli altri settori industriali, per favorire l’occupazione e l’emersione del nero e riequilibrarlo rispetto al costo del lavoro autonomo.

L’Ance richiede nuove procedure concorsuali per consentire la prosecuzione aziendale scongiurando il fallimento e aiutando l’impresa con difficoltà patrimoniali di carattere temporaneo.

Dovrà rappresentare una priorità l’individuazione di criteri semplici ma efficaci per l’accesso alla professione degli operatori e imprese delle costruzioni, in un’ottica di qualificazione del prodotto, lotta al lavoro nero e all’evasione fiscale, nonché per assicurare una maggiore sicurezza dei lavoratori.

Il debito della Pubblica Amministrazione nei confronti delle imprese di costruzione ha superato limiti fisiologici.

I recenti decreti sullo smobilizzo dei crediti, seppur necessari, appaiono una soluzione inadeguata, in quanto scaricano il costo dell’inefficienza della PA sulle imprese, costrette a pagare le banche per poter incassare i propri crediti.

Il recepimento della Direttiva europea sui ritardati pagamenti per i nuovi contratti è stato un atto dovuto del Governo, ma ancora deve offrire certezze nella sua applicazione, dimostrando nei fatti l’inefficienza dello Stato.

Pertanto occorre che il prossimo Governo definisca un piano effettivo di smaltimento dei debiti pregressi della PubblicaA per lavori eseguiti e sostenere che la Direttiva dell’Unione Europea sui ritardati pagamenti per i nuovi contratti debba essere applicata, senza incertezze, anche ai lavori pubblici.

L’Ance ritiene inoltre favorevole il ricorso all’istituto della permuta di immobili quale modalità di pagamento del corrispettivo da parte dell’Amministrazione Pubblica”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy