Home Cultura & Spettacoli “Le supplici”: la tragedia di Euripide in scena al Teatro degli Industri

“Le supplici”: la tragedia di Euripide in scena al Teatro degli Industri

di Redazione
0 commento 32 views

Indice dei contenuti

Doppio appuntamento per la stagione 2022/2023 dei Teatri di Grosseto, organizzata dal Comune di Grosseto e dalla Fondazione Toscana Spettacolo onlus: venerdì 3 e sabato 4 febbraio, alle 21, va in scena al Teatro degli Industri “Le supplici” di Euripide.

Lo spettacolo

Mitologia e tragedia greca, un classico che si rispecchia nella contemporaneità, una scrittura del 423 a.C. che arriva chiara e forte al pubblico del terzo millennio. Il crollo dei valori dell’umanesimo, il prevalere della forza, dell’ambiguità più feroce, il trionfo del narcisismo e della pochezza emergono dal testo di Euripide ed arrivano ai giorni nostri.

I biglietti

I biglietti sono disponibili online (www.comunegrosseto.ticka.it) o al botteghino del teatro che, i giorni delle rappresentazioni, sarà aperto dalle 19 alle 21.

La regista Serena Senigallia mette in scena un testo tradotto da Maddalena Giovannelli e Nicola Fogazzi con la drammaturgia di Gabriele Scotti.

La tragedia è interpretata da Francesca Ciocchetti, Matilde Facheris, Maria Pilar Pérez Aspa, Arianna Scommegna, Giorgia Senesi, Sandra Zoccolan, Debora Zuin: sette madri, sette attrici straordinarie che interpretano il coro delle supplici. Un rito funebre che si trasforma in un rito di memoria attiva, andando a scandagliare le ragioni politiche che hanno portato alla morte i figli e più in generale alla distruzione dei valori dell’umanesimo. Il discorso tanto caro a Euripide, che parla di pacifismo e amore tra i popoli, di dolore e di pietà di queste madri che hanno perso i figli, di un intero paese che ha smarrito i propri eroi, si intreccia con un sottile ragionamento politico, capace di rendere questa tragedia un unicum per l’antichità. La democrazia ateniese infatti contraddice i suoi stessi valori: è populismo che finge di affermare i sacri valori della libertà, si chiama democrazia, ma assomiglia di più ad un’oligarchia. È la legge del più forte, anche se apparentemente garantisce spazio e parola a tutti.

La stagione teatrale continuerà fino a marzo 2023 con altri 5 appuntamenti, il prossimo è in programma martedì 7 febbraio con “Mine vaganti” di Ozpetek al Teatro Moderno.

I biglietti degli spettacoli possono essere acquistati online fino al giorno precedente ogni rappresentazione sul sito www.comunegrosseto.ticka.it, oppure la sera dell’evento al botteghino del teatro, dalle 19 alle 21. Per ogni altra informazione è possibile inviare una mail all’indirizzo teatridigrosseto@gmail.com oppure chiamare il numero 334.1030779.

Print Friendly, PDF & Email

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare. Puoi consultare la nostra Cookie Policy a questo indirizzo.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy