Home GrossetoCinema Grosseto Al via “DocuDonna”: cerimonia di presentazione e proiezione dei primi documentari

Al via “DocuDonna”: cerimonia di presentazione e proiezione dei primi documentari

di Redazione
0 commento 28 views

Venerdì 9 dicembre prende il via a Massa Marittima “DocuDonna”, festival internazionale di cinema dedicato ai documentari diretti da donne. Tre giorni di proiezioni fino all’11 dicembre, che vanno ad arricchire il fitto programma di iniziative organizzate nel comune per le festività natalizie.

Venerdì 9 dicembre, alle 18, nella Sala dell’Abbondanza, si terrà la cerimonia di apertura del Festival, con la presentazione di questa quarta edizione, a cui sono state invitate a partecipare le associazioni culturali. Dopo i saluti istituzionali, ci sarà la prima proiezione del documentario fuori concorso “Stella nelle mie stanze” della regista Nadia Pizzuti (48 minuti Italia/2021) e a seguire gli interventi delle associazioni Liber Pater e Anpi. Al termine, i partecipanti potranno gustare un buffet a base di prodotti locali, offerto dalla cooperativa Melograno e dall’azienda vitivinicola Ampeleia.

Dopo cena, si parte con il primo documentario in concorso: “Fellinopolis” di Silvia Giulietti.

Il festival è ideato e promosso da Cristina Berlini, con il sostegno economico del Comune di Massa Marittima.

“Dalla dimensione pubblica a quella privata, dalla questione iraniana alle narrazioni quotidiane, i film di questa edizione – spiega Cristina Berlini –, che saranno proiettati a Massa Marittima dal 9 all’11 dicembre, riflettono lo spirito militante del festival, che vuole essere uno spazio di cultura, di libera espressione e di rivendicazione della creatività delle donne“.

“Con questo festival – afferma Irene Marconi, assessore comunale alla cultura – il Comune di Massa Marittima diventa parte attiva nella valorizzazione di produzioni cinematografiche d’avanguardia a regia femminile. Un festival unico nel suo genere nel panorama nazionale e internazionale, che promuove un patrimonio narrativo di immagini e parole, nelle diverse lingue, che cerca di farsi spazio in un settore ancora a prevalenza maschile“.

La giuria, composta da Elena Molina, Daniele Cini e Teresa Sala, assegnerà ai documentari in concorso. che in tutto sono 11, i seguenti premi: miglior documentario internazionale e miglior documentario italiano.

Previsto un focus particolare sull’Iran: “Il terzo pomeriggio del festival – prosegue Cristina Berlinisarà interamente dedicato all’Iran visto dal punto di vista femminile, con tre film che riflettono sulla questione iraniana, tanto artistica quanto di genere. A precedere le proiezioni, un piccolo approfondimento dedicato alle registe iraniane e all’attualità, per riflettere insieme su uno dei momenti più problematici per le donne di quel Paese e per la loro emancipazione. A dialogare saranno Sandra Innamorato e Nadia Pizzuti, domenica 11 dicembre, nella Sala dell’abbondanza, alle 16″.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy