Home GrossetoCultura e Spettacoli Grosseto “Anne Frank, una storia attuale” in mostra a Grosseto

“Anne Frank, una storia attuale” in mostra a Grosseto

di Cristina Zammataro
0 commento 1 views

Una mostra che racconta la persecuzione degli ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale attraverso la biografia di Anne Frank, le fotografie, molte delle quali scattate dal padre Otto Frank e in gran parte inedite, le immagini e le citazioni delle pagine del diario di Anne fanno emergere le condizioni in cui una famiglia ebrea fu costretta a vivere durante il periodo nazista. L’appuntamento, voluto dal Comune di Grosseto e dall’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi in Italia, è stata ideata e prodotta dalla Fondazione Anne Frank di Amsterdam, e si apre oggi, venerdì 25 gennaio al Cassero Senese di Grosseto.

Presenti questa mattina all’inaugurazione il Sindaco Emilio Bonifazi, l’assessore alla cultura Giovanna Stellini, Nico Kamp, console onorario dell’Olanda a Firenze, Aart Heering, addetto stampa dell’Ambasciata olandese, oltre a Silvia Ottolenghi e Daniele Polacco della Comunità ebraica di Grosseto.
Ideata e prodotta dalla Fondazione Anne Frank di Amsterdam, la mostra si compone di 34 pannelli di foto e testi, alcuni dei quali relativi al periodo successivo alla Seconda Guerra Mondiale, in cui l’attenzione si focalizza sull’attività dei Tribunali Internazionali e sulla difesa dei diritti umani. La storia di Anne Frank e della sua famiglia mette in luce temi quali il fanatismo politico e la ricerca di un capro espiatorio, le epurazioni, l’atteggiamento nei confronti degli ebrei, la Shoah e le violazioni dei diritti umani.

La storia della vita di Anne Frank rappresenta il filo conduttore dell’esposizione, che è suddivisa in cinque periodi che corrispondono a cinque tematiche principali.

– 1929-1933: i primi quattro anni di vita di Anne, l’ascesa del Partito Nazionalsocialista in Germania. Temi: il nazionalismo e la ricerca del capro espiatorio.

– 1933-1939: la fuga in Olanda della famiglia Frank. L’espulsione degli ebrei dalla Germania e la loro persecuzione. Tema: la “pulizia etnica”

– 1939-1942: l’inizio della persecuzione degli ebrei. Tema: il coraggio civile.

– 1942-1945: il periodo di clandestinità dei Frank nell’alloggio segreto, il diario di Anne e la deportazione. Tema: la Shoah

– Dal 1945 a oggi: le reazioni alla pubblicazione del diario e la società del dopoguerra.

Tema:  i diritti umani e le responsabilità individuali nel mantenimento della democrazia.

L’esposizione, già allestita in più di cento luoghi in tutto il mondo, si rivolge soprattutto ai giovani, stimando una riflessione sul significato di ideali quali la tolleranza, il rispetto reciproco e la democrazia, valori fondamentali per il mantenimento di una società democratica e pluralista.

Nel percorso della mostra sarà proiettato il documentario La breve vita di Anne Frank’ (20´). Attraverso incisive immagini dell’epoca il documentario illustra le origini e gli sviluppi della Seconda Guerra Mondiale. La vicenda di Anne Frank è narrata attraverso le citazioni dal diario e dalle fotografie di famiglia. Il film contiene inoltre le uniche immagini video di Anne Frank, tratte da un filmato originale.

Il sito web della Casa di Anne Frank (www.annefrank.org) contiene inoltre un ricco archivio fotografico e documentario sulla storia della famiglia Frank e una panoramica del contesto storico oltre a spazi virtuali interattivi, quali Anne Frank: guida alla ricerca (www.annefrankguide.com) e l’Albero di Anne Frank (www.annefranktree.nl).

Il museoCasa di Anne Frank

Dal 1960 l’edificio al centro di Amsterdam (Prinsengracht 263) nel quale era ubicato l’alloggio segreto della famiglia Frank è diventato un museo. La Casa di Anne Frank si prefigge lo scopo di mantenere viva la memoria della Seconda Guerra Mondiale e della Shoah, divulgando la storia di Anne Frank e gli ideali espressi nel suo diario. Per realizzare questi obiettivi la Casa di Anne Frank promuove una serie di attività e progetti a livello nazionale e internazionale e produce materiale didattico per studenti e insegnanti. Il Centro di documentazione della Casa gestisce una collezione che comprende libri, riviste e articoli sulla storia di Anne Frank, sulla Seconda Guerra Mondiale e la Shoah. La Casa è inoltre impegnata nello studio e nella ricerca delle attuali manifestazioni di antisemitismo, razzismo ed estremismo, discriminazione ed emarginazione.

Concorso Transavia

Ai visitatori, in particolare ai ragazzi delle scuole, viene data la possibilità di lasciare un pensiero scritto dopo aver visto la mostra. Tra tutti coloro che avranno voluto lasciare il loro contributo la compagnia aerea Transavia metterà a disposizione 2 voli per 2 persone più accompagnatore per un volo andata e ritorno Pisa-Amsterdam, con ingresso gratuito alla Casa di Anna Franck di Amsterdam.

Anne Frank

Anne Frank nacque il 12 giugno del 1929 a Francoforte sul Meno in Germania.

Nel 1933, in seguito all’ascesa del nazismo, la famiglia Frank si trasferì nei Paesi Bassi.

L’occupazione nazista dei Paesi Bassi, nel maggio del 1940, e il progressivo inasprimento della persecuzione antiebraica indusse i Frank, nel luglio del 1942, a rifugiarsi in un nascondiglio sul retro dell’ufficio di Otto Frank, ad Amsterdam in Prinsengracht 263.

Due anni dopo, tuttavia, i Frank e le altre quattro persone che si trovavano nel nascondiglio furono scoperte, arrestate e deportate. Il padre di Anne fu l’unico a sopravvivere alla deportazione.

 La mostra, allestita al Cassero Senese in via Saffi, sarà visitabile fino al 20 marzo 2013.

Orario di apertura: dal martedì al venerdì 16-19; sabato 16,30-18

INGRESSO LIBERO

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy