Home GrossetoCronaca Grosseto Picchia a sangue la zia e le provoca un’emorragia: arrestata dai Carabinieri

Picchia a sangue la zia e le provoca un’emorragia: arrestata dai Carabinieri

di Redazione
0 commento 12 views

Ieri sera i Carabinieri della Compagnia di Grosseto sono intervenuti in via Bonghi, dove era stata segnalata una violenta lite tra familiari.

Sul posto, i militari si sono imbattuti in una donna 39enne, nota per alcuni suoi precedenti, che in preda ad un evidente stato di alterazione, aveva aggredito la zia, presso cui da qualche tempo aveva trovato ospitalità, colpendola violentemente in più parti del corpo.

La vittima è stata portata al pronto soccorso insieme alla nipote, bisognosa anche lei di cure mediche.

Dai primi accertamenti, infatti, i sanitari hanno riscontrato per la zia delle lesioni interne ed un’emorragia, per cui è stata trattenuta in ospedale, in prognosi riservata; per la 39enne, invece, l’alterazione era dovuta alla probabile astinenza da stupefacenti, o all’abuso di essi o di alcol. Al di là delle cause, per tenere a bada la donna fuori controllo sono dovute intervenire più pattuglie.

Ancora non chiari i motivi che hanno dato il via alla violenza della 39enne la quale, anche alla presenza dei militari, tentava di accanirsi contro la zia distesa in terra dolorante e sanguinante, riferendo frasi sconnesse e ripetendo più volte che la zia fosse “il diavolo”.

Da una prima ricostruzione fatta dai militari dell’Arma sentendo alcuni inquilini del palazzo dove sono avvenuti i fatti, emerge che la 39enne avrebbe più volte litigato con la zia, anche in maniera violenta, fino ad arrivare all’aggressione di ieri sera, in cui avrebbe colpito la zia all’interno dell’appartamento, per poi uscire sul pianerottolo dove, sebbene la vittima fosse riversa a terra priva di sensi, avrebbe continuato a sferrarle dei calci al volto, provocandole vistosi sanguinamenti.

Svolti gli accertamenti urgenti, i Carabinieri hanno quindi arrestato la donna per lesioni personali aggravate, trasportandola in carcere a Pisa, in attesa di determinazioni dell’Autorità Giudiziaria.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy