Home Costa d'argento Dal Lazio alla Maremma per fare surf: scoperti dalla Finanza e multati

Dal Lazio alla Maremma per fare surf: scoperti dalla Finanza e multati

di Redazione
0 commento 14 views

Nell’ambito delle attività di controllo del territorio maremmano disposte dal Comando provinciale della Guardia di Finanza di Grosseto, finalizzate in particolare a verificare il rispetto delle disposizioni anti-contagio per lo spostamento tra regioni, i militari della Tenenza di Orbetello hanno rafforzato il dispositivo di vigilanza al confine con il Lazio, accertando violazioni da parte di due surfisti provenienti dai Castelli romani.

In dettaglio, durante il pattugliamento dei litorali della Costa d’Argento, i finanzieri hanno individuato due uomini che avevano da poco finito di fare surf ad Ansedonia, mèta notoriamente molto frequentata dai praticanti di tale sport.

I due uomini hanno dichiarato ai militari che le loro intenzioni iniziali erano quelle di recarsi nella vicina Tarquinia, ma, una volta giunti sul posto e constatata la presenza di vento poco favorevole, hanno ritenuto di proseguire, sconfinando però indebitamente in Toscana per recarsi nella rinomata località surfistica nel comune di Orbetello.

Per i due trasgressori è scattata la verbalizzazione delle violazioni, con una multa che va dai 400 euro ai 1.000 euro ciascuno e, al termine delle procedure di rito, sono stati invitati a rientrare nella loro regione di appartenenza.

Nel corso delle attività di presidio del territorio, le Fiamme Gialle hanno elevato anche ulteriorimulte nei confronti di due conducenti di auto, privi rispettivamente di revisione e di certificato assicurativo del veicolo; è stata inoltre effettuata una segnalazione al Prefetto di Grosseto di un giovane trovato in possesso di droga.

Le attività svolte si inquadrano tra i servizi coordinati dal Comando provinciale delle Fiamme gialle di Grosseto per garantire il rispetto delle regole e la sicurezza sanitaria, al fine di tutelare la cittadinanza da quei comportamenti irresponsabili che, nel contesto emergenziale, mettono in pericolo la salute di tutti e rallentano il debellamento della pandemia.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy