Home GrossetoCronaca Grosseto Sgomberato un accampamento di nomadi in via Sauro

Sgomberato un accampamento di nomadi in via Sauro

di Roberto Lottini
0 commento 0 views

Erano stati costretti ad abbandonare i loro giacigli di fortuna, ricavati nei pressi della stazione, perché “sfrattati” dagli enti proprietari di quei particolari spazi, ma non si erano persi d’animo ed avevano deciso di stabilire la loro nuova residenza a cielo aperto in Via Sauro, nei giardini accanto alla ferrovia.

Ma ieri, il luogo in cui un gruppo di nomadi era solito trascorrere la notte è stato individuato dall’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura, dopo alcune segnalazioni da parte di residenti della zona.

Nel corso del sopralluogo, gli agenti hanno trovato materassi ed altri oggetti utilizzati dai nomadi per i loro giacigli.

Già nel 2010, lo stesso giardino era stato utilizzato come ricovero notturno da nove Rom, che erano stati quindi allontanati dalle forze dell’ordine e deferiti all’autorità giudiziaria  per reati riguardanti l’immigrazione.

Stamani, il personale del Coseca, supportato da una Volante della Polizia, ha provveduto a sgomberare il giardino da tutti gli oggetti utilizzati dai nomadi, così come era avvenuto nel corso del precedente episodio accaduto nel 2010.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy