Home Attualità Sagre, le associazioni scrivono ai sindaci: “Necessario giusto equilibrio con ristorazione ufficiale”

Sagre, le associazioni scrivono ai sindaci: “Necessario giusto equilibrio con ristorazione ufficiale”

Confcommercio e Confesercenti scrivono ai sindaci della provincia in vista della nuova stagione

di Redazione
0 commento 25 views

Grosseto. Con la nuova stagione turistica alle porte, le direzioni provinciali di Confcommercio e Confesercenti Grosseto sono tornate a scrivere ai sindaci dei 28 Comuni della provincia per sensibilizzarli ulteriormente sul delicato tema delle sagre.

Entrambe le associazioni di categoria, infatti, sono particolarmente sensibili all’argomento in ragione dell’impatto che da sempre questi eventi hanno sul sistema della ristorazione ufficiale, chiamata al rispetto rigoroso di norme e regolamenti molto complessi.

“Al fine di prevenire quelle criticità che spesso danno origine a polemiche spesso oggetto anche di attenzioni mediatiche – dichiarano Gabriella Orlando e Andrea Biondi, rispettivamente direttore di Confcommercio Grosseto e di Confesercenti Grosseto –, abbiamo dichiarato ai sindaci la nostra volontà di collaborare, ma chiediamo con fermezza che le sagre ritornino ad essere ciò per cui sono nate e cioè iniziative temporanee e occasionali, intimamente legate al territorio in cui sono organizzate e che fondano (o dovrebbero fondare) la loro esistenza sulla valorizzazione di tradizioni e prodotti eno-gastronomici autoctoni o comunque tipici di quei luoghi, difficilmente ritrovabili in zone diverse. Ciò non è soltanto quanto disciplinato per legge, bensì il senso logico di una sagra quale elemento identitario di un territorio. E invece da troppi anni ormai questa specificità si è persa e le sagre sono state relegate a un mero ruolo di alibi, necessario per vestire di tradizione eventi organizzati esclusivamente per raccogliere fondi”.

Anche per questa ragione i due direttori nella loro lettera ai sindaci hanno posto l’accento sui regolamenti comunali e sul tema dei controlli. “Abbiamo chiesto ai sindaci se le loro amministrazioni si siano dotate di un ‘regolamento comunale sulle sagre’ e se questo sia aggiornato alle ultime normative di settore – continuano Orlando e Biondi –. Contestualmente, richiamando i precedenti interventi delle associazioni di categoria in materia di controlli, abbiamo chiesto informazioni circa la possibile attivazione di una ‘Commissione di controllo sulle sagre’, alla quale demandare il compito di valutare le singole iniziative verificandone gli scopi, la ricaduta sul territorio, l’impatto sulle attività commerciali del comprensorio comunale e limitrofo, nonché l’effettiva destinazione dei fondi raccolti”.

“Perché è di tutta evidenza – aggiungono i direttori di Confcommercio e Confesercenti che se le sagre devono diventare (come sono effettivamente diventate) eventi pro-business, chi le organizza deve rispettare le stesse identiche regole cui ogni giorno soggiace la ristorazione tradizionale”.

“Abbiamo ben presente l’importanza delle sagre per la tenuta sociale delle realtà territoriali della Maremma più interne e isolate della provincia – concludono Orlando e Biondi –, ma allo stesso tempo non possono essere negate le forti criticità che questi eventi generano nell’equilibrio economico dei territori. I ristoranti e più in generale i pubblici esercizi assicurano una vitalità, e quindi una vivibilità, per l’intero periodo dell’anno alle comunità dei singoli comuni. Allo stesso tempo, garantiscono alle amministrazioni comunali introiti importanti sotto forma di tasse e di tributi; risorse che poi le amministrazioni utilizzano a beneficio di tutti. Chiedere il rispetto di un principio molto semplice qual è quello dello ‘stesso mercato stesse regole’, non è campanilismo, ma il sollecito a fare attenzione a tutto ciò che tiene in piedi una comunità”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy