Home Attualità Il Parco della Maremma cambia look: nuovo logo ed identità visiva per l’area protetta

Il Parco della Maremma cambia look: nuovo logo ed identità visiva per l’area protetta

nnovazione, ma anche tradizione e natura: i principali ingredienti da cui a preso il via lo studio della nuova identità visiva

di Redazione
0 commento 33 views

Indice dei contenuti

Grosseto. Il Parco della Maremma si rifà il look e presenta la sua nuova identità grafica, destinata ad uniformare il sito, le mappe per la visita, i gadget e tutto quello su cui solitamente viene apposto il marchio del Parco.

Il lavoro, opera di Marzia Bianchi, visual designer, e di Giovanni Carrada, autore, curatore e consulente di comunicazione, risponde all’ esigenza di un’identità più forte, unica che sottolinei e faccia scoprire la bellezza di questo luogo.

Il logo

Il concept parte dal simbolo: il cinghiale, elemento di continuità del passato e simbolo antico della Maremma.

Si completa e si evolve con nuovi grafismi che disegnano scenari naturalistici come le quinte di un teatro: la natura del Parco, i monti dell’Uccellina, le valli, le pianure e le discese, in una palette colore che va dall’oro al verde oliva e bosco, all’azzurro del mare.

Elementi grafici dalle linee morbide si accostano e si incastrano in un equilibrio sintetico di forme e colori.

Il risultato è un segno compatto, moderno e leggero.

Il progetto della nuova identità del Parco della Maremma è il risultato di un lavoro collettivo tra le persone: attraverso l’esperienza di chi questi luoghi li vive, di chi li scopre, di chi ogni giorno li offre e di chi li ha tradotti in emozioni da vivere.

Il cinghiale rimane lo stesso, ormai caro a chi frequenta il Parco, ma sotto forma più accogliente ed armonica, accanto agli elementi identificativi del territorio: il mare ed i monti dell’Uccellina. L’intento è stato di creare un segno che trasmetta la gioia di chi attraversa questa isola bellissima, solitaria e silenziosa, selvaggia, ma gentile. Anche il font del logotipo si rinnova, prediligendo linee moderne e pulite.

Ma non c’è solo il logo. Il lavoro ha interessato l’intera identità grafica del Parco: la nuova cartoguida, i gadget, la segnaletica interna, l’allestimento del nuovo Centro visite (i cui lavori partiranno a giorni), la grafica dei social e il sito, presto online nella sua rinnovata versione di forma e contenuto.

“Non dobbiamo parlare di una rivoluzione, ma di un’evoluzione – afferma il presidente del Parco Simone Rusci –, come quella che ogni giorno modifica il nostro ambiente e le sue forme visibili. Un’evoluzione necessaria per adattare l’immagine del Parco ai nuovi linguaggi e strumenti digitali ma anche per marcare nuovi indirizzi e nuove strategie.

Non solo dunque un restyling formale, ma l’inizio di una coerente strategia di narrazione e interpretazione del territorio, fondamentale per fissare nella mappa mentale delle persone le bellezze del Parco e del territorio maremmano”

“Un rinnovamento in linea con l’immagine moderna e dinamica che il Parco vuole e deve darsi – afferma il presidente della Provincia di Grosseto Francesco Limatola, che ha aperto la presentazione -. Il Parco e tutte le istituzioni pubbliche devono lavorare costantemente per l’innovazione e per il rafforzamento dei brand territoriali, fondamentali allo sviluppo economico e sociale”

Hanno partecipato, alla presentazione della nuova identità visiva del Parco e del logo, alcune classi terze e quarte dell’Istituto tecnico Grafica e Comunicazione del Polo Bianciardi di Grosseto.

Qualche curiosità

Ol nuovo logo riprende l’idea del primo logo del Parco della Maremma di mettere in relazione il cinghiale, simbolo di forza e di capacità di adattamento, con gli elementi costitutivi del territorio, le colline e il mare. Il primo logo lo faceva componendo un basamento bicolore, nel quale una sinuosa linea tratteggiata simboleggiava le colline ed i prati, mentre una linea dritta azzurra il mare. Nel 2004 lo sfondo territoriale si perde, con lo scopo di vivacizzare e rendere meno austero il cinghiale e il logo nel suo insieme. Il mare ritorna nel 2011, a supportare il falco pescatore, da poco tornato a nidificare nel Parco.

Il nuovo logo rimette al centro il territorio spingendo sui suoi valori tradizione e innovazione.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy