Home Attualità Geotermia, niente trivelle a Scansano: definitivo il no della Regione

Geotermia, niente trivelle a Scansano: definitivo il no della Regione

Ginesi e Ceriola: “Una vittoria corale voluta con decisione”

di Redazione
1 commento 81 views

Scansano (Grosseto). “Abbiamo vinto”, due parole attese sette anni, rimbalzate ieri, a Scansano, di cellulare in cellulare: le trivelle non entreranno in azione né a Pancole, né a Pomonte. La Regione Toscana ha notificato a Terra Energy il diniego all’ennesima proroga chiesta dalla società per tentare di dimostrare di avere i numeri economici e tecnici per affrontare costosissime ricerche geotermiche nelle due frazioni del comune maremmano.

E’ una gioia immensa”, commenta il sindaco Maria Bice Ginesi: “Per prima cosa voglio dire che è una vittoria corale, di tutto il paese, merito di ciascuno di noi. Un risultato sudato, ma fermamene perseguito come può fare solo chi sa di avere tutte le carte in regola e il dovere di difendere questo territorio. Ci liberiamo di un macigno che pesava sul nostro futuro e che ha assorbito tempo ed energie che invece dobbiamo dedicare al nostro paese”.

Sette lunghi anni di una battaglia iniziata con la nascita del Comitato Scansano Sos Geotermia e che, grazie ad un capillare lavoro di informazione e raccolta di firme, ha coinvolto tutto il paese. Si sono impegnate le due amministrazioni comunali succedutesi i questi anni, le principali attività produttive locali, come Consorzio di tutela del Morellino, Cantina dei Vignaioli, Cooperativa di Pomonte.

E’ stato un lavoro immane” sottolinea con orgoglio Matteo Ceriola, portavoce del Comitato e vicesindaco, che vuole “ringraziare tutti, uno per uno, e in modo particolare Jacopo Biondi Santi, che ha sostenuto economicamente la battaglia legale. E l’avvocato Stefano Pasquini, cui dobbiamo un grande e qualificato lavoro giuridico”.

“Un grazie – chiosa Ginesi – va anche agli assessori regionali Monia Monni e Leonardo Marras, che hanno accompagnato questo percorso”.

Il primo passo è stato qualificare tutto il territorio comunale, presidio di produzioni Dop, Doc, Docg e Igt, come area non idonea alla geotermia.

Qualifica riconosciuta dalla Regione che però, ecco il cortocircuito, in virtù del regio decreto del 1927 che regola l’attività mineraria, ha rilasciato permessi di ricerca costosi ed invasivi non meno delle centrali che in area non idonea non si sarebbero poi potute realizzare. Un cortocircuito che ha provocato un primo ricorso ancora in attesa di pronuncia del Tar. Di discussione in discussione, di rinvio in rinvio, l’attenzione si è concentrata sulla società che ha chiesto i permessi di ricerca: capitale sociale irrisorio (passato da diecimila e centoventimila euro solo perché così imponeva la legge), certamente insufficiente a sostenere trivellazioni il cui costo è lievitato a trenta milioni di euro ciascuna. Senza contare le spese necessarie al ripristino dei luoghi. E’ il motivo per cui, alla fine del lungo e tormentato iter, la Regione ha negato definitivamente i permessi.

“Festeggeremo – dichiarano a una voce Ginesi e Ceriola –, ma non deponiamo le armi. Ora l’obiettivo è far approvare in Parlamento la proposta di Marco Simiani che risolverebbe il problema alla radice stabilendo, semplicemente, che nelle aree non idonee è vietata la ricerca mineraria. Perché questa brutta storia non possa ripetersi, né a Scansano, né altrove”.

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

Graziella 24 Novembre 2023 | 21:43 - 21:43

Grazie a tutti coloro che con l’impegno e la tenacia come Teresa Bartoli e Gregorio Catalano ci hanno fatto da portavoce per raggiungere questo obbiettivo

Rispondi

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy