Home GrossetoAttualità Grosseto Chiesa di Marina di Grosseto, saranno allungati i ponteggi in previsione dei lavori

Chiesa di Marina di Grosseto, saranno allungati i ponteggi in previsione dei lavori

di Redazione
0 commento 26 views

 La Curia vescovile, col suo ufficio tecnico, è intervenuta prontamente sulla già precaria situazione della chiesa di Marina, dove sabato si è verificato un distacco di intonaco nella parte della copertura in prossimità dell’ingresso. La chiesa è stata precauzionalmente chiusa in questi giorni mentre questa mattina, a seguito del sopralluogo dell’ingegnere incaricato, è stato deciso di allungare anche alla zona d’ingresso i ponteggi che già interessano buona parte della chiesa, creando così una copertura che eviti danni a persone o cose dall’eventuale ulteriore distacco di intonaco.

Le impalcature sono preliminari ai lavori comunque già previsti.

La chiesa non sarà chiusa seppure la sua capienza si ridurrà in modo significativo.

La chiesa era stata chiusa alla fine di gennaio 2021 perché dichiarata inagibile a seguito di infiltrazioni che hanno provocato danni al tetto. Le impalcature installate all’interno, in attesa di poter avviare i lavori, hanno consentito di riaprirla e di utilizzarla, pur con qualche disagio, fino ad oggi.

La situazione delle chiese e della loro manutenzione continua ad essere motivo di grande preoccupazione. Al momento è in corso il grande cantiere presso la basilica del Sacro Cuore, sono terminati i lavori a Montorsaio, per metà al Cottolengo (chiesa e campanile) dove sono stati sospesi (manca il cantiere della canonica) per dirottare le risorse sul rifacimento del tetto della chiesa di San Sebastiano a Roccatederighi, mentre per la chiesa di Braccagni e per il primo dei molti stralci di lavori che dovranno interessare la chiesa di Santa Lucia le pratiche edilizie sono in itinere.

Una situazione complessa, dunque, che fa il conto con la carenza di risorse per coprire i bisogni di chiese spesso molto vecchie se non antiche, senza contare le chiese che vanno ricostruite ex novo. La concentrazione della Diocesi, con i suoi uffici, è massima, ma deve fare i conti con tanti bisogni che si affastellano. Non ci sono corsie preferenziali, ma solo priorità dettate dalle emergenze che, via via, si presentano e a cui la Diocesi cerca, con la collaborazione delle parrocchie stesse, di far fronte.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy