Home GrossetoAttualità Grosseto “Curiamo la socialità”: l’appello dell’Arci contro le chiusure imposte dal Dpcm

“Curiamo la socialità”: l’appello dell’Arci contro le chiusure imposte dal Dpcm

di Redazione
0 commento 4 views

Anche l’Arci si esprime sulla chiusura delle attività sociali e culturali dove rientrano anche i circoli dell’associazione.

“Non possiamo accettare – spiegano dal comitato provinciale di Grosseto la sospensione delle attività culturali, sociali e ricreative, attività che è possibile svolgere in piena sicurezza. Sin dall’inizio della pandemia, nonostante le enormi difficoltà abbiamo agito in maniera responsabile, facendoci carico di azioni di solidarietà senza mai rinunciare a ciò in cui crediamo fortemente: il valore della socialità. In sicurezza. Adottando da subito tutti i protocolli a tutela dei singoli e della collettività.

Sono stati e sono mesi duri. Siamo consapevoli che l’emergenza epidemiologica non è terminata e che la salute è un bene primario, ma ci troviamo davanti a provvedimenti non equi che penalizzano fortemente l’associazionismo diffuso.

Già in questi mesi molte realtà associative non hanno retto all’impatto dell’emergenza; ora, senza prevedere indennizzi come per altre categorie, per tantissimi circoli della nostra rete sarà difficile rialzarsi. Quasi impossibile.

Per questo non ci stiamo e chiediamo:

  • che venga riconosciuto il nostro ruolo e funzione sociale nel Paese di lotta alla povertà e alle disuguaglianze, solidarietà e mutualismo, promozione della cultura e della socialità;
  • che venga garantito fattivamente di poter continuare a svolgere questa funzione essenziale, soprattutto in un periodo di crisi sociale come quella che stiamo vivendo;
  • subito interventi consistenti sul piano delle risorse da allocare, ristori che ci consentano non solo di non chiudere definitivamente le nostre sedi, ma anche di continuare a promuovere quei servizi essenziali alle cittadine e ai cittadini che abbiamo fornito sinora. Spesso autofinanziandoci attraverso attività che oggi non ci è più consentito di svolgere. Non accetteremo mai la miopia di essere considerati marginali rispetto ad altri comparti del Paese;
  • di poter continuare a svolgere le nostre attività nel pieno rispetto delle regole anti contagio. Ci riferiamo, in particolare, a tutte quelle attività che invece lo stesso Dpcm consente di svolgere a chi le promuove per fini commerciali.

Per tutte queste ragioni abbiamo organizzato ieri, in tutta Italia e nella nostra provincia momenti di sensibilizzazione sotto l’insegna ‘Curiamo la socialità’. Per dire no a delle misure che riteniamo sbagliate e per chiedere di tornare a svolgere al più presto la nostra funzione nel Paese“.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy