Home GrossetoAttualità Grosseto Le iniziative in programma a Grosseto in occasione della Giornata nazionale contro i disturbi del comportamento alimentare

Le iniziative in programma a Grosseto in occasione della Giornata nazionale contro i disturbi del comportamento alimentare

di Roberto Lottini
0 commento 2 views

Continua la collaborazione tra Commissione Pari Opportunità della Provincia di Grosseto, Asl 9 e Associazione Perle Onlus per la campagna di comunicazione sociale, avviata qualche mese fa, “Se ami qualcuno dagli peso”. L’occasione è quella della Giornata nazionale contro i disturbi del comportamento alimentare che sarà celebrata in tutta Italia il prossimo 15 marzo.

Le iniziative proposte sono diverse. Venerdì 15 marzo, a Grosseto, sarà organizzata una biciclettata con ritrovo nel centro storico alle 15 e partenza alle 16. Le tappe del tour saranno alcuni punti vendita della grande distribuzione, presenti in città, e la sede del Consorzio Latte Maremma. Ad ogni tappa ci sarà un momento di ristoro per sottolineare l’importanza dell’alimentazione.

Nel corso della settimana del 15 marzo una task force, costituita dai membri dell’associazione Perle e da alcune componenti della Commissione provinciale per le Pari Opportunità, sarà in tutti gli istituti superiori di Grosseto per presentare la Giornata e introdurre la problematica dei disturbi del comportamento alimentare.

Mentre è online l’appello “Se Ami Qualcuno Dagli Peso – IO TI AMO”, già sottoscritto da volti noti del mondo culturale e istituzionale e cittadini.

L’iniziativa del 15 marzo è l’ennesimo sostegno offerto dalla Provincia di Grosseto nella lotta contro i disturbi del comportamento alimentare – afferma Tiziana Tenuzzo, assessore provinciale alle Pari Opportunità –. Si tratta di una problematica molto diffusa fra i giovani e che mi ha toccato particolarmente, perché durante la mia adolescenza ho avuto diversi amici che hanno sofferto di questi disturbi”.

I disturbi alimentari sono delle vere e proprie malattie sociali – spiega Luca Ceccarelli, assessore alle Politiche sociali del Comune di Grosseto -, soprattutto in considerazione di due aspetti ben distinti, ma che si intersecano fra di loro. Innanzitutto, la nostra società ha delle precise responsabilità verso queste problematiche: l’attuale cultura consumistica, infatti, porta gli adolescenti a conformarsi a modelli basati sulla perfezione fisica, sull’esteriorità, sull’apparire belli agli occhi degli altri. Inoltre, questi disturbi attraversano la società, fino a radicarsi all’interno delle famiglie, specialmente in quei contesti in cui i figli avvertono una certa carenza d’affetto da parte dei genitori. A quel punto, gli adolescenti provano a sopperire a questa mancanza con un approccio sbagliato nei confronti del cibo, che diventa una valvola di sfogo incontrollata.”.

La problematica dei disturbi alimentari riguarda ogni livello della società – continua Ceccarelli -, comprese le istituzioni, che devono prendersi carico di questo triste fenomeno. Basti pensare che il 5% dei soggetti che accusano queste patologie finiscono per morire. Anche le associazioni che combattono tali malattie sono chiamate a fare la loro parte e per questo sarà importante la loro partecipazione alla biciclettata del 15 marzo”.

L’insieme delle iniziative messe in campo nell’ambito della campagna ‘Se ami qualcuno dagli peso’ – commenta Reana de Simone, presidente della Commissione provinciale per le Pari opportunità – sono fondamentali per far conoscere e riconoscere i disturbi alimentari come malattie sociali. È importante puntare sulla prevenzione perché il primo aiuto alla persona in difficoltà deve arrivare dai contesti a lei più vicini, quello della famiglia, della scuola e degli amici”.

Il 15 marzo, giorno in cui si svolgerà l’iniziativa a Grosseto – spiega Mariella Falsini, presidente dell’associazione Perle Onlus – è stata scelta perché è l’anniversario di una ragazza ligure morta a 17 anni proprio a causa dei disturbi alimentari mentre era in attesa di entrare in un centro specializzato per curarsi. Suo padre ha voluto che nascessero delle manifestazioni per sensibilizzare la nostra società verso queste problematiche e dalla sua volontà è stata ideata questa manifestazione, che si svolgerà contemporaneamente in molte città italiane ed avrà come simbolo un fiocco lilla, indossato da tutti i partecipanti.”.

I disturbi alimentari – continua Mariella Falsinisono una problematica in continua espansione: si tratta infatti della seconda causa di morte tra gli adolescenti. Inoltre, si è abbassata la fascia di età in cui si può manifestare questa patologia: al momento, si registrano casi di bambini di 8 anni che soffrono di disturbi legati al cibo. Anche gli adulti sono vittime di questo fenomeno, specialmente le donne di circa 50 anni che sono in menopausa”.

Per informazioni e per inviare la foto e sottoscrivere l’appello “Se Ami Qualcuno Dagli Peso – IO TI AMO”  è possibile consultare la pagina Facebook della Commissione Pari Opportunità oppure scrivere ad uno dei seguenti indirizzi: commissionepo@provincia.grosseto.it o perleonlus@virgilio.it.

Le attività della Asl 9 contro i disturbi del comportamento alimentare

I disturbi del comportamento alimentare sono una vera e propria emergenza. Si tratta di patologie molto complesse, che in Italia colpiscono 2 milioni di giovani. Le forme più gravi, come la bulimia e l’anoressia, sono la principale causa di morte per le ragazze di età compresa tra i 12 e i 25 anni. I dati del 2012 sono allarmanti: ogni 1000 adolescenti, circa 100 soffrono di questi disturbi e 10-20 soffrono delle forme più gravi di anoressia e bulimia. Un’altra patologia che si sta diffondendo in Italia è la drunkoressia (assunzione di alcol in sostituzione del cibo per dimagrire).

La provincia di Grosseto non si discosta dal dato nazionale: sono, infatti, colpite da anoressia circa 500 persone, mentre soffrono di bulimia tra le 1000 e le 3000 persone, con una netta maggioranza, in entrambi i casi, delle femmine rispetto ai maschi.

Si tratta di un fenomeno molto preoccupante, che investe sia la sfera sanitaria che quella sociale – commenta il direttore sanitario della Asl 9, Danilo Zuccherelli -. Un fenomeno che deve essere contrastato e combattuto, sia con iniziative di informazione e sensibilizzazione, come quella che stiamo presentando oggi, sia con specifiche attività per curare le persone colpite da queste patologie e sostenere i loro familiari. Come Asl abbiamo strutturato da tempo un Centro aziendale per i disturbi del comportamento alimentare, con sede a Villa Pizzetti a Grosseto, articolato con ambulatori sul territorio, in cui presta servizio un team di specialisti composto da medici, psicologi, dietisti.

Da gennaio dello scorso anno, inoltre, l’attività ambulatoriale è affiancata da una struttura di secondo livello, il centro semi-residenziale ‘Il Mandorlo’, realizzato e gestito dalla Asl 9 all’ospedale Misericordia, grazie alla collaborazione dell’Associazione ‘Perle Onlus’ di Grosseto che si occupa del sostegno alle persone colpite da queste patologie e alle loro famiglie”.

Attualmente, i pazienti in carico al Centro aziendale per i disturbi del comportamento alimentare, a Grosseto e negli ambulatori territoriali, sono 88, di cui 63 adulti e 25 minori.

Tra i pazienti che hanno superato i diciotto anni, la diagnosi prevalente (in 42 soggetti) è la cosiddetta “Bed” (Being eating disorder), ovvero disturbo da alimentazione incontrollata, che generalmente porta al sovrappeso o all’obesità; 9 sono i casi di anoressia e 12 di bulimia. Viceversa, tra i minori, prevalgono l’anoressia e la bulimia. 

Per quanto riguarda l’attività de “Il Mandorlo”, attualmente sono ospitate 5 ragazze, di cui 3 soffrono di anoressia e 2 di bulimia.

L’accesso al Centro aziendale per i disturbi del comportamento alimentare avviene su indicazione del medico o del pediatra di famiglia, nonché dello specialista, che richiedono la visita psicologica e medico-nutrizionale.

Per informazioni e richieste di visita, è possibile telefonare al numero 0564.483346, dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy