Home Ambiente Estate 2024: le località maremmane conquistano le Cinque Vele di Legambiente e Touring Club

Estate 2024: le località maremmane conquistano le Cinque Vele di Legambiente e Touring Club

di Redazione
0 commento 75 views

Grosseto. Acque cristalline, luoghi unici per le loro bellezze paesaggistiche, attenti alla sostenibilità, ma anche alla tutela della biodiversità.

Sono le località balneari italiane in cui sventolano le Cinque Vele di Legambiente e Touring Club Italiano. 21 i comuni turistici marini e 12 le località lacustri insigniti con l’importante vessillo e premiati oggi a Roma in occasione della presentazione della guida “Il mare più bello 2024″, curata dall’associazione ambientalista e dal Touring Club Italiano.

La guida raccoglie informazioni turistiche e caratteristiche ambientali dei comuni a Cinque Vele, compreso l’impegno nella tutela delle tartarughe Caretta caretta. A guidare la top five del 2024 è Pollica (Salerno), il comune cilentano inserito all’interno del comprensorio del Cilento antico, in Campania. Al secondo posto il comune di Nardò, in provincia di Lecce, nel comprensorio pugliese dell’alto Salento ionico, seguito da Baunei, in provincia di Nuoro, sulla costa orientale sarda. Quarto posto per la località Domus De Maria sul litorale di Chia, sempre in Sardegna, e quinto posto per Castiglione della Pescaia, nel comprensorio della Maremma toscana.

Nella classifica, la Maremma si distingue con diverse località premiate. In questa edizione, Castiglione della Pescaia si posiziona al quinto posto tra le località marine. Un riconoscimento che evidenzia l’impegno del Comune nella tutela ambientale e nella sostenibilità. Nella categoria delle località lacustri, Massa Marittima conquista il terzo posto grazie allo splendido lago dell’Accesa, rappresentando un’eccellenza della Maremma toscana. Insigniti delle Cinque Vele anche i comuni di Isola del Giglio, Capalbio e la new entry Grosseto. Queste località, insieme a Castiglione della Pescaia e Massa Marittima, testimoniano l’impegno del territorio nella promozione del turismo sostenibile e nella protezione del suo prezioso patrimonio naturale.

Quest’anno, la guida ha introdotto anche il riconoscimento per i Comuni amici delle tartarughe marine, segnalati a turisti e cittadini con un vessillo dedicato. Tra questi, Castiglione della Pescaia, Grosseto e Orbetello si distinguono come località che hanno adottato misure per rendere le spiagge accoglienti anche per le tartarughe Caretta caretta. Si tratta di amministrazioni che, attraverso un apposito protocollo d’intesa, si sono impegnate a adottare una serie di misure per rendere le spiagge accoglienti anche per le tartarughe che depongono le uova, oltre che per i bagnanti. Ad oggi in totale sono 74 i Comuni in tutta Italia (guida al momento la classifica la Campania con 22 comuni) che hanno firmato il protocollo, di questi 33 sono quelle in cui sventolano anche le vele di Legambiente e Touring Club Italiano.

L’iniziativa “Comuni amici delle tartarughe” rientra nel progetto Life Turtlenest, che mira a tutelare gli habitat di nidificazione della Caretta caretta, aumentando le probabilità di successo riproduttivo e tenendo conto di clima e antropizzazione. Nato grazie al sostegno del programma Life dell’Unione Europea, il progetto è coordinato da Legambiente e riunisce 13 partner di 3 diversi Paesi (Italia, Spagna e Francia). In prima linea, insieme ai Comuni amici delle tartarughe, anche le aree protette (34 quelle che ad oggi hanno firmato il protocollo), entrambi premiati oggi a Roma.

Menzione ulteriore per il Comune di Castiglione della Pescaia che recentemente ha siglato il protocollo A_GreeNet nell’ambito del progetto Lifw+ A_GreeNet quale realtà modello di esperienze di tutela, valorizzazione e riqualificazione delle pinete costiere e urbane sperimentate con successo dal progetto lungo la costa adriatica. Un’esperienza finalizzata allo scambio reciproco di esperienze e buone pratiche per potenziare il “rinverdimento” dei centri urbani a tutela della salute dei cittadini e strumento per contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici. Attualmente, dopo un primo vaglio dell’assessorato all’ambiente di Grosseto, il protocollo è all’attenzione dell’assessorato ai lavori pubblici, considerata la grande attenzione che il Comune capoluogo sta riservando a questo tema con importanti misure e investimenti.

“La valorizzazione delle località turistiche premiate con le Cinque Vele da Legambiente e Touring Club Italiano – ha dichiarato Angelo Gentili, della segreteria nazionale di Legambiente – rappresenta un passo significativo verso la promozione del turismo sostenibile in Italia. La Maremma toscana continua a distinguersi come esempio eccellente di come la sostenibilità ambientale e la conservazione della biodiversità possano andare di pari passo con lo sviluppo turistico. Le località premiate, come Castiglione della Pescaia, Massa Marittima, Capalbio, Isola del Giglio e Grosseto, dimostrano un impegno concreto nella gestione delle proprie risorse naturali, garantendo acque cristalline e paesaggi unici per i visitatori.

Iniziative volte a proteggere le tartarughe marine, come il progetto Life Turtlenest, sono poi cruciali per preservare l’ecosistema marino e mitigare gli impatti del cambiamento climatico sulle specie vulnerabili. Lo stesso vale per il progetto A_Greenet, che speriamo trovi lo stesso interesse in altri Comuni della nostra provincia, vista l’importanza che le pinete costiere hanno nel nostro territorio. I comuni premiati, tra cui Castiglione della Pescaia, Grosseto e Orbetello, dimostrano un impegno concreto nella gestione responsabile delle loro coste, rendendole accoglienti sia per i turisti che per la biodiversità locale. Questi sforzi sono essenziali per assicurare che le generazioni future possano godere delle stesse meraviglie naturali che oggi ammiriamo”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy